Raccolta rifiuti: i sindaci preoccupati per l’aumento dei costi

Parere positivo oggi sulla delibera che determina le tariffe, in aumento, da applicare ai Sub-ATO per il conferimento dei rifiuti urbani. Previsti dei premi per i virtuosi e delle sanzioni per chi differenzia male. A preoccupare è il futuro post discarica.
La discarica di Brissogne vista dall'alto
Ambiente

Salgono le tariffe di conferimento per i Subato nel centro trattamento rifiuti di Brissogne che “seppur giustificate” si “traducono in un aumento per i cittadini dei costi della raccolta differenziata”. A spaventare i sindaci non sono solo le nuove tariffe – da 138 a 151,07 euro a tonnellate per i rifiuti indifferenziati e da 66,50 a 77,7 euro a tonnellate per i rifiuti differenziati – ma il futuro della discarica di Brissogne, che stando alle ultime previsioni dovrebbe esaurirsi con il 2031.

“Il discorso dei rifiuti è il problema più grande che ci troveremo ad affrontare da qui a qualche anno” dice il sindaco di Gressan Michel Martinet. “Non so se sarà la tomba o il patibolo per gli enti locali” aggiunge il primo cittadino di Saint-Christophe Paolo Cheney.

La delibera della Giunta regionale ha ricevuto a maggioranza il parere positivo dell’Assemblea.
Anche per l’anno 2024, al superamento di una percentuale di frazione estranea, variabile in funzione del flusso di raccolta, al rifiuto verrà applicata la tariffa di 215 euro a tonnellata. La differenza fra i 151 e i 215 euro sarà suddivisa fra i subato che meglio differenziano, così come chiesto dai sindaci. Quest’ultimi chiedono anche di portare dal 30 al 40% la percentuale di frazione estranea.

Nel parere formulato oggi viene poi espressa la “grande preoccupazione per il futuro del centro trattamento dei rifiuti di Brissogne” chiedendo alla Regione il coinvolgimento degli enti locali nella condivisione delle strategie “nel momento in cui non sarà più possibile conferire i rifiuti” nella discarica.

“Se dovessimo in futuro portare fuori i rifiuti – evidenzia ancora Martinet – non so a che costi arriveremo. Una riflessione forte va fatta e l’abbiamo chiesto”.

4 risposte

  1. Che aumenti il costo dell’indifferenziata mi sembra normale, a fronte del limitato spazio residuo in discarica. È l’aumento del costo della frazione differenziata che è intollerabile, visto che di fatto penalizza i cittadini che si impegnano di più.

    1. Dipende dal fatto che molti la fanno male, per cui il materiale raccolto viene pagato meno, non viene pagato o bisogna pagare perché venga ritirato a seconda della quantità di materiale estraneo.

  2. Siccome i cittadini non hanno voluto il pirogassificatore la conseguenza è nota da anni……

  3. Come giustamente riportano il sottotitolo ed il testo dell’articolo non si tratta dei costi della raccolta rifiuti (come dice il titolo) ma del conferimento al centro di Brissogne.

    Il costo della raccolta è un’altra cosa e va aggiunto al costo del conferimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte