Siccità, la soglia di rilascio dei grandi invasi Cva è stata portata al 75%

La soglia è stata incrementata di oltre il 30% rispetto all’analogo periodo del 2021, spiega l'azienda stessa in una nota. Quest'anno i bacini idrici Cva hanno un livello d’invaso inferiore di oltre il 40% rispetto allo scorso.
Diga di Place Moulin - Foto Cva.it
Ambiente

Il Gruppo Cva, nel giugno 2022, ha attivato misure straordinarie per calmierare l’emergenza idrica che sta interessando tutto il nord Italia.

A spiegarlo è la stessa azienda in una nota: “Di concerto con gli organi preposti della regione Valle d’Aosta – che è socio unico della società per il tramite di Finaosta – la soglia di rilascio dei grandi invasi nel mese di giugno 2022, è stata portata al 75%, che costituisce il massimo rilascio tecnicamente possibile al fine di evitare un danno sia al sistema produttivo idroelettrico sia al sistema di regolazione della rete di trasmissione nazionale, incrementandola di oltre il 30% rispetto a quanto effettuato nell’analogo periodo del 2021”.

Un apporto significativo – evidenzia ancora la società – come testimoniato recentemente nella riunione tecnica del Distretto del Po, dove è emerso che “la Dora Baltea è il fiume che sta garantendo il maggior apporto tra tutti gli affluenti.

“In un anno in cui i bacini idrici Cva hanno un livello d’invaso inferiore di oltre il 40% rispetto al 2021, tale scelta aziendale, che ha consentito un deflusso di oltre 41 milioni di metri cubi d’acqua verso il Piemonte nel solo mese di giugno dimostra la chiara volontà del Gruppo di contemperare le esigenze ambientali con quelle industriali”, chiude la nota aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Ambiente