Abusivismo, visite e otturazioni senza titoli a Saint-Christophe: quattro indagati

Chiuse le indagini della Guardia di finanza sulla famiglia proprietaria del “Centro dentistico valdostano snc”. Ravvisata dalla Procura un’associazione a delinquere finalizzata all’esercizio abusivo della professione odontoiatrica.
Cronaca

Le ricevute erano sottoscritte da un chirurgo, che spesso appariva come medico curante, ma diverse otturazioni e visite odontoiatriche venivano effettuate da due persone sprovviste delle abilitazioni necessarie.

È quanto il Gruppo Aosta della Guardia di finanza ritiene essere accaduto, dal 2013 al 2019, all’interno del “Centro dentistico valdostano snc” di Saint-Christophe, in località Charrière – da non confondersi con il quasi omonimo Centro dentale valdostano in via Croix Noire, ad Aosta -. Chiuse le indagini, la Procura contesta un’associazione a delinquere finalizzata all’esercizio abusivo della professione odontoiatrica ad una famiglia di valdostani e ad un medico della provincia di Monza-Brianza.

Padre (58enne), madre (60enne) e figlio (37enne) sono i comproprietari della struttura. Stando all’inchiesta, coordinata dal pm Eugenia Menichetti, i due maschi di famiglia, nel periodo preso in esame dagli inquirenti, hanno eseguito personalmente prestazioni medico-odontoiatriche in assenza dell’abilitazione (uno è odontotecnico, l’altro igienista dentale).

Nello specifico, gli è addebitato di aver refertato esami diagnostici (oropantomografie ed esami radiologici) e prescritto farmaci, oltre ad essersi spinti in otturazioni e visite odontoiatriche. La madre è indagata per aver fatto da assistente alla poltrona a loro favore, pur sapendoli sprovvisti dei titoli.

Il chirurgo riveste la carica di Direttore sanitario del Centro e, secondo quanto accertato dalle “Fiamme gialle”, si assumeva, sottoscrivendo i relativi documenti, la paternità delle prestazioni mediche erogate, in realtà, dai due familiari. L’inchiesta è nata da una verifica fiscale condotta dai finanzieri sull’azienda.

L’avviso di chiusura indagini notificato da pochi giorni elenca le visite e i servizi che sarebbero state indebitamente svolti (tra i quali anche un’anestesia locale e lo spostamento di un apparecchio ortodontico). Alcuni dei clienti sono stati sentiti nel corso dell’attività investigativa, ma non hanno lamentato lesioni, o criticità di sorta.

Altri dentisti, regolarmente abilitati, operano all’interno della struttura (che rimane aperta). Gli indagati hanno ora a disposizione venti giorni per chiedere al Pubblico ministero ulteriori atti d’indagine, oppure di essere sentiti, o ancora depositare memorie o documenti utili a chiarire la loro posizione. Trascorso il termine, la Procura valuterà se procedere alle richieste di rinvio a giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca