Anche due cani molecolari dalla Valle per cercare una donna dispersa tra Liguria ed Emilia

I segugi bavaresi Bullo e Jacky, “in servizio” al Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, sono stati attivati, con i loro conduttori Davide Rasore e Laura Caserta, attorno alle 19 di ieri, giovedì 3. Hanno lavorato sino a stamane.
Il cane molecolare Jacky.
Cronaca

Sono “di stanza” in Valle d’Aosta i due cani molecolari del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, i segugi bavaresi Bullo e Jacky, utilizzati la scorsa notte nelle ricerche di una donna di 76 anni, che risulta dispersa dal pomeriggio di mercoledì 2 giugno nella zona del Monte Penna, cima di 1.735 metri tra la Liguria e l’Emilia Romagna.

Le due unità cinofile sono state attivate, con i loro conduttori, i tecnici del Soccorso Alpino Valdostano Davide Rasore e Laura Caserta, attorno alle 19 di ieri, giovedì 3, dopo che le ricerche svolte fino a quel momento avevano dato esito infruttuoso. Raggiunto il luogo dell’intervento, i cani “molecolari” hanno lavorato fino alla mattinata di oggi, per poi fare ritorno nella nostra regione.

“Il tipo di lavoro che facciamo con i nostri cani – spiega Rasore – è confermare una zona, o una direzione, in cui il disperso è transitato, affinché le altre unità cinofile vadano ad approfondirvi le operazioni”. Le ricerche, da stamane, si sono quindi concentrate sulle aree indicate dai cani molecolari come punti di passaggio della 76enne: il loro intervento è, in sostanza, servito a circoscrivere un perimetro, riducendolo dall’estrema ampiezza iniziale.

Il contesto operativo non è stato particolarmente agevole per i cani giunti dalla Valle. “Abbiamo lavorato su tracce che arrivano a due giorni fa, quindi ‘vecchie’ per l’olfatto canino, e sulle quali sono passati, dall’inizio delle operazioni, altri soccorritori con ulteriori unità cinofile, – aggiunge il conduttore di Bullo – quindi con un difficoltà in più per i cani molecolari”.

L’anziana di cui sono in corso le ricerche, residente nel parmense, era impegnata mercoledì in una escursione in val d’Aveto con marito e figlio, quando ad un certo punto ha deciso di proseguire da sola. Doveva ritornare dai parenti nell’arco di un’ora, ma così non è stato. A dare l’allarme è stato il gestore del rifugio monte Penna. La ricerche impegnano il Soccorso alpino di Liguria ed Emilia, i Carabinieri, i volontari della Croce Rossa e la Protezione civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca