Annullata dal Tar la bocciatura di un’alunna con Dsa

Aveva frequentato, nell’anno scolastico 2022-23, la prima superiore, risultando non ammessa alla classe successiva. I giudici amministrativi avevano già sospeso la mancata ammissione lo scorso anno, in attesa della sentenza pubblicata gli scorsi giorni.
Il Tribunale amministrativo regionale
Cronaca

Era stata bocciata in prima superiore, frequentata nell’anno scolastico 2022-23, ma il Tar della Valle d’Aosta ha annullato la decisione del Consiglio di classe. Il provvedimento di mancata ammissione era stato sospeso lo scorso autunno, rinviando alla decisione di merito, con la sentenza pubblicata negli scorsi giorni. Protagonista della vicenda, un alunna cui il 4 ottobre 2022 erano stati diagnosticati dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

A seguito della diagnosi, l’istituzione scolastica aveva messo a punto – il 29 novembre – il Piano Didattico Personalizzato (Pdp), previsto in questi casi. Però, a dire dei giudici amministrativi, ci sarebbe stata “una sostanziale carenza e/o insufficienza del piano didattico personalizzato e della sua attuazione quantomeno nella prima parte dell’anno scolastico, circostanza che la motivazione di non ammissione alla classe successiva non ha considerato in modo adeguato anche alla luce delle maggiori difficoltà di recuperare ad anno scolastico avviato”.

Per il Tar, significativa ai fini della decisione assunta è la cronologia di eventi: “solo” il 22 novembre 2022 erano state “elencate e programmate” le “misure necessarie per favorire l’apprendimento”. La loro “progressiva attuazione” viene restituita dal verbale del consiglio di classe del 12 gennaio 2023 e, nel giro di due mesi, cioè il 27 marzo, “si evince come la gran parte delle misure del Pdp siano state attuate, registrandosi alcuni indici di miglioramento delle capacità di apprendimento dell’alunna, seppure ancora affetta da gravi carenze”.

Era stata anche la professionista dell’azienda Usl che nell’ottobre 2022 aveva effettuato la diagnosi di Dsa a segnalare, nell’agosto 2023, che “nel Pdp predisposto dalla scuola non sono sempre state rispettate le indicazioni previste”. Tra l’altro, “non è stata inserita l’indicazione di chiedere le nozioni importanti e non quelle secondarie”. Tale modalità avrebbe “consentito alla ragazza di raggiungere almeno la sufficienza specialmente nelle verifiche” di una materia specifica.

La professionista aveva anche segnalato che “non è stato previsto per tutte le materie l’uso del computer con programma di videoscrittura e di ascolto dei libri digitali; per matematica non sono previste le verifiche orali a compensazione di quelle scritte; per la lingua inglese la valutazione è sempre fatta sullo scritto anziché sull’orale”. La Regione e il ministero dell’Istruzione avevano scelto di resistere, costituendosi, nel giudizio.

7 risposte

  1. Complimenti perché ad Aosta dopo anni vedo che le cose non cambiano proprio.
    Sarei proprio curiosa di sapere in che scuola superiore è successo visto che ne ho girate 3 e in 2 ho avuto lo stesso problema ma purtroppo non ho mai fatto ricorso e mi son persa 2 anni.

  2. I docenti ( specie quelli delle superiori) spesso e volentieri vivono la compilazione dei PDP come un inutile fardello di cui alleggerirsi il prima possibile, si fa per dire perché in realtà i tempi di compilazione sono a dir poco biblici… E non parliamo poi della concessione degli strumenti compensativi, per accettare una mappa concettuale bisogna inginocchiarsi davanti al docente di turno che accampati sempre qualche buon motivo per rifiutarle! E vorrei anche dire ai giuatizialisti di turno che nel caso di specie non è L’ASL che ha emanato la sentenza, bensì il TAR, un organo giudiziario che, per definizione, decide dopo aver valutato le ragioni di entrambe le parti coinvolte nel contenzioso. Quindi senza alcun ombra di dubbio la scuola ne è uscita soccombente e dovrà farsi uno scrupoloso esame di coscienza, perché i ricorsi sono sempre dietro l’angolo e, guarda un po’, ogni tanto si vincono anche.

  3. Ma perché gli insegnanti e i consigli di classe devono perdere tempo a compilare e approvare i PDP, riflettendo su quali siano le strategie migliori da adottare per ogni singolo ragazzo in base agli obiettivi didattici da raggiungere, quando gli esperti dell’Usl hanno già in mano tutte le soluzioni per ogni problema? Che lo compilino loro, vengano loro a metterlo
    In pratica nelle classi e portino loro gli studenti a raggiungere le competenze necessarie per affrontare gli esami e … il mondo del lavoro! Tanto a scuola lavorano solo degli competenti ! (Ironia…)

  4. Complimenti a questi docenti e al loro dirigente, che non sanno nemmeno L’ABC dei disturbi dell’apprendimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte