Esplosione a Montjovet, trasferito al CTO di Torino un ferito

L’uomo, 53 anni, ha ustioni su quasi il 20 per cento del corpo, in particolare nella parte alta: viso, collo e avambracci. La sua prognosi, per ora, resta precauzionalmente riservata. L’altra persona coinvolta, una donna di 71 anni, è in buone condizioni.
Volo notturno
Cronaca

E’ all’interno di un villaggio appena sopra la Statale 26, Perral, al confine tra Montjovet e Saint-Vincent, la casa che all’alba di oggi, martedì 28 novembre, è stata scossa da un esplosione. Erano circa le 6 quando a scoppiare, probabilmente per una fuga di gas, è stata una bombola. La deflagrazione ha danneggiato pesantemente l’alloggio al piano terreno e causato due feriti.

Si tratta delle persone che erano all’interno dell’abitazione. Vladimir Baudin, 53 anni, stava dormendo. E’ stato estratto dai calcinacci che gli sono finiti addosso e trasportato fuori dallo stabile dai Vigili del fuoco, intervenuti con il 118 e i Carabinieri.

Trasportato al “Parini” è stato ricoverato in rianimazione. Nel pomeriggio, i medici hanno deciso il trasferimento al Cto di Torino. Presenta ustioni su quasi il 20 per cento del corpo, in particolare nella parte alta: viso, collo e avambracci. La sua prognosi, per ora, resta precauzionalmente riservata.

L’altra persona coinvolta, la 71enne Loredana Molinario, è invece riuscita ad uscire da sola ed era già all’aperto all’arrivo dei soccorsi: condotta anche lei in Pronto soccorso ad Aosta, risulta in buone condizioni.

Al primo piano, un altro alloggio, in cui si trovavano madre e figlio, entrambi illesi. “Alle 6 circa ho sentito un boato, una bomba che sotto il pavimento mi ha fatto sobbalzare dal letto”, il racconto della donna. “Uno spavento, ma stiamo bene. L’alloggio è inagibile, i mobili della cucina si sono ribaltati, c’è una grossa crepa alla parete della camera”.

La deflagrazione ha mandato in frantumi i vetri negli edifici circostanti, addosso ai quali sono finite anche parti in legno di infissi e balconi, “sparate” verso l’esterno come dei proiettili. L’intera area è delimitata con nastri e inaccessibile. I Vigili del fuoco stanno completando la relazione sull’intervento, che verrà inoltrata al sindaco del Comune, Jean-Christophe Nigra, per i provvedimenti relativi all’inagibilità dello stabile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte