Coronavirus, la Valle è la regione col più alto numero di guariti e dimessi

A dirlo, commentando i dati del bollettino, il coordinatore dell'emergenza Luca Montagnani. I guariti totali salgono infatti a 467, mentre si fa segnare ancora un decesso nelle ultime 24 ore. I ricoverati in Terapia intensiva, invece, restano 8.
coronavirus
Cronaca

Un decesso e due contagiati nelle ultime 24 ore, ed un numero di guariti che continua ad aumentare.

Questa la “fotografia” della situazione Covid-19 in regione scattata dal bollettino quotidiano dell’Unità di crisi regionale.

“La Valle d’Aosta – ha spiegato il coordinatore dell’emergenza Luca Montagnani – è la quarta regione d’Italia per numero di tamponi effettuati, il 3,9%, in rapporto agli abitanti. Da lodare sono le strutture di Igiene e Sanità pubblica, significa che le persone a cui è stato fatto il tampone erano quelle giuste grazie ad una ricerca scrupolosa dei contatti stretti che ha permesso di individuare i casi positivi. Dal punto di vista sanitario mi sembra un dato molto confortante”.

Non solo: “Finalmente – prosegue Montagnani – abbiamo anche un primato positivo: la Valle d’Aosta è la regione con il più alto numero di guariti e dimessi rispetto ai casi positivi. Siamo arrivati al 40,9%, dopo di noi c’è la Provincia autonoma di Trento al 32%”.

Sale ancora il bilancio dei decessi di persone positive al Coronavirus, rimasto fermo a 126 decessi in 48 ore, con la morte di una donna che arriva oggi a far segnare 127,  dato relativo a 65 uomini e 62 donne, 77 dei quali morti in ospedale e 50 sul territorio regionale, nella fascia d’età tra i 45 ed i 100 anni. Dato che però manda anche un segnale: “Oggi abbiamo un decesso in più di ieri – prosegue Montagnani -, è un dato drammatico ma iniziamo a vedere molti meno decessi, probabilmente perché i malati gravi con l’aiuto della terapia domiciliare e l’arrivo precoce in ospedale stanno evolvendo in maniera favorevole”.

A crescere ancora in maniera rilevante sono i guariti che oggi diventano 467 che crescono di 22 unità rispetto ai 445 ieri. Il dato fornito dal bollettino che assomma sia i clinicamente guariti (170) –  ovvero i pazienti che diventano asintomatici e negativi al primo test di controllo – sia i 297 che hanno ricevuto il secondo tampone negativo in due test consecutivi, per un’età media di 48 anni.

I contagiati totali arrivano invece a 1.095 (ieri erano 1.093), mentre i positivi attuali sono 671.

ricoverati nei reparti Covid sono attualmente 92 – ieri erano 99 –, 57 dei quali sono all’ospedale “Parini” e 35 all’Isav di Saint-Pierre.

pazienti in Terapia intensiva sono invece sempre 8 mentre scendono a 571 i positivi in isolamento domiciliare, ieri a quota 573. I tamponi negativi risultano essere 3.392 sui 5.024 effettuati ad oggi, mentre quelli ancora da refertare, la cifra rimane sempre abbastanza alta, sono 292 . I negativi totali, anch’essi in crescita rispetto ai 2.548 di ieri, sono invece 2.624.

Sui numeri della Terapia intensiva Montagnani aggiunge: “Un altro dato importante è quello che vede i malati gravi in forte diminuzione, con 8 pazienti in Terapia intensiva Covid su 671 positivi ricoverati”.

La novità in arrivo è per i giorni a venire: “Dalla prossima settimana – spiega ancora Montagnani – partiremo con i test sierologici, che ci aiuteranno a capire quanta della popolazione valdostana è entrata a contatto con il virus e discriminare in maniera più ampia chi sottoporre a tampone tra gli asintomatici e chi non lo è”.

Infine, i controlli effettuati dalle forze dell’ordine nella giornata di ieri, 21 aprile, sono stati in totale 832 per 13 sanzioni elevate.

0 risposte

  1. La sanita’ Valdostana ha funzionato benissimo personalmente non ho mai avuto dubbi
    da condannare senza appello quei cervelli disabitati che: quando la Lombardia aveva
    gia’ dei problemi hanno invitato a venire in valle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte