Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 11 Aprile 2019 15:16

Corruzione sotto il Cervino: sotto sequestro il “Rocce Nere”

Aosta - I sigilli, disposti dal Gip del Tribunale di Aosta su richiesta della Procura, sono stati apposti per un'ipotesi di lottizzazione abusiva nella ristrutturazione del fabbricato.

rocce nererocce nere

Il bar-ristorante “Rocce Nere” di Plain Maison, sulle piste da sci di Cervinia (Valtournenche) è stato posto sotto sequestro. Il provvedimento, disposto dal Gip del Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica, è in via di esecuzione nella mattinata di oggi, giovedì 11 aprile, dai Carabinieri della Compagnia di Châtillon/Saint-Vincent. L’apposizione dei sigilli rientra nell’inchiesta su presunti episodi di corruzione all’ombra del Cervino ed è legata ad un’ipotesi di lottizzazione abusiva nella ristrutturazione del fabbricato.

Dalle indagini, coordinate dal pm Luca Ceccanti, era emersa l’“intercessione” dell’ex capo dell’ufficio tecnico Fabio Chiavazza (in carcere dallo scorso 20 novembre), “sollecitato” dal presidente della “Cervino Spa”, proprietaria del locale, Federico Maquignaz (indagato a piede libero), per far approvare “un progetto difforme dalla normativa di settore”, perché imperniato sulla demolizione del vecchio stabile e sulla realizzazione di un nuovo corpo completamente diverso e con un piano in più del precedente, aspetti non congrui agli strumenti urbanistici in vigore.

A quanto ricostruito dagli inquirenti, anche un altro indagato nel fascicolo, l’ingegnere Corrado Trasino, si era “interessato” alla questione, contattando la ditta subappaltatrice dell’opera. “Dai Fabio, trovami la soluzione che ce la fai sicuramente” era stata l’esortazione di Maquignaz al funzionario comunale, intercettata dai militari, e l’ipotesi nata di conseguenza era l’ottenimento di un parere legale da “un amico avvocato”, per superare l'”impasse urbanistica”.

rocce nere
rocce nere
Rocce nere
Rocce nere

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo