Cronaca di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 2 Aprile 2021 15:02

Domato un incendio a Nus, distrutto un edificio in ristrutturazione

Nus - Il rogo - l'allarme è scattato alle 4.3 di notte - ha distrutto un edificio in ristrutturazione a Nus, in frazione Les Fabriques. La struttura, disabitata, era rimasta nell’immaginario collettivo come simbolo dell’Alluvione del 2000. Secondo i primi accertamenti, l’incendio avrebbe origine accidentale. Non ci sono persone coinvolte.

L'incendio a NusL'incendio a Nus

Un incendio, divampato durante la notte, ha distrutto un edificio in ristrutturazione di tre piani a Nus, in frazione Les Fabriques, sulla strada che conduce a Saint-Barthélemy.

L’edificio, disabitato, era di proprietà della famiglia Reboulaz ed era rimasto nell’immaginario collettivo come simbolo dell’Alluvione del 2000, la cui ristrutturazione era stata autorizzata da poco.

L’allarme è scattato nella notte, attorno alle 4.30. Sul posto sono intervenuti i Vigli del fuoco, sia professionisti sia volontari di Nus, per estinguere le fiamme. Attualmente sono in corso le operazioni di bonifica.

Secondo i primi accertamenti, l’incendio avrebbe origine accidentale e non risulta coinvolta nessuna persona.

All’arrivo sul posto le fiamme avevano già avvolto l’edificio di 3 piani e i Vigili hanno provveduto a contenere l’incendio e ad evitare che le fiamme si propagassero sulla vegetazione vicina. Le operazioni di smassamento sono ancora in corso e vedono impegnate nove unità professioniste con quattro mezzi  e due fuoristrada. Sul posto è presente anche l’ufficiale di guardia di servizio per la valutazione dei danni e la ricerca delle cause dell’incendio. Per il posizionamento dell’austoscala la circolazione stradale sulla Strada regionale 36 è a senso unico alternato. Presenti sul posto anche i Carabinieri.

“È davvero un brutto Venerdì Santo per la famiglia che ha perso l’edificio, che è completamente distrutto, e per tutta la comunità – spiega il Sindaco di Nus Camillo Rosset -. Purtroppo è inimmaginabile renderlo di nuovo agibile senza ricostruirlo da capo. Quell’edificio ha un valore storico perché lì finiva la Strada regionale ed era un punto di riferimento, poi perché nel 2000 fu colpito dell’Alluvione e venne distrutto a metà. E ancora perché oggi, dopo mille peripezie, erano in corso i lavori di ristrutturazione ed erano già molto ben avviati”.

L’allarme è stato dato da un allevatore, mentre si recava a lavorare: “Questo fa anche pensare ai problemi che può creare il ‘coprifuoco’ – prosegue Rosset -. In un’altra occasione la strada sarebbe stata sicuramente più trafficata e sarebbe stato possibile accorgersi prima di quanto stava accadendo”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo