Falsa e-mail del vescovo Lovignana, la Diocesi: “attenzione alle truffe”

Il messaggio è stato ricevuto da più destinatari. La Curia raccomanda di non rispondere e mette in guardia anche i sacerdoti e i loro collaboratori su possibili raggiri da pare di persone che si presentano chiedendo assistenza.
computer pc lavoro
Cronaca

Più persone hanno ricevuto in questi giorni una e-mail attribuita al vescovo Franco Lovignana, ma si tratta di un falso. A segnalarlo, invitando alla prudenza, è la Diocesi di Aosta, attraverso il suo sito web. Il messaggio proviene dall’indirizzo church[***]@aol.com e ed ha per testo: “Sei disponibile? Ho una richiesta che devi gestire con discrezione. Sarò impegnato in una sessione di preghiera per il resto della giornata, nessuna chiamata, quindi rispondi alla mia e-mail”.

La Curia raccomanda, come sempre in questi casi, di non rispondere e ribadisce di prestare la massima attenzione ai messaggi di posta elettronica e agli sms sospetti. Come ricordato anche dalle forze dell’ordine, l’estate è il periodo in cui vengono messi a segno truffe e raggiri con maggior successo. “Una delle opzioni più frequenti (in modo particolare in ambito ecclesiale) – scrive la Diocesi – è il riferimento a condizioni di indigenza, che purtroppo rispecchiano il momento difficile che stiamo attraversando”.

La raccomandazione ai sacerdoti ed ai loro collaboratori è di esercitare prudenza “e comunque di non accogliere in casa parrocchiale o in chiesa – si legge ancora sul sito diocesano – persone che chiedono assistenza immediata. Si suggerisce di approfondire le esigenze, possibilmente avvalendosi dei volontari della Caritas parrocchiale o diocesana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte