Furti nei negozi del centro di Aosta, individuata e denunciata 17enne

La ragazza, una 17enne sudamericana, è ritenuta responsabile di tre episodi in una settimana. Nell’ultimo ha spinto, per fuggire, la titolare che l’aveva sorpresa e dovrà quindi rispondere di tentata rapina impropria.
Polizia furti
Cronaca

La Squadra Mobile della Questura ha individuato la giovane ritenuta responsabile della tentata rapina impropria in un negozio di abbigliamento di Aosta, la scorsa settimana. Le indagini su quell’episodio hanno fatto emergere altri due furti, sempre in attività del centro cittadino, che l’hanno vista per protagonista negli stessi giorni. La ragazza ha 17 anni e la denuncia è quindi scattata alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Torino.

Le investigazioni hanno messo in luce un modus operandi tanto semplice, quanto ricorsivo. La giovane entrava nei negozi con la scusa di chiedere informazioni e, una volta distratti gestori e commessi (spesso chiedendo capi per cui dovevano spostarsi in magazzino), asportava il contenuto del registratore di cassa. Nell’ultimo dei tre episodi, alla “Boutique Maurice” di via Festaz, la titolare, richiamata da un rumore, aveva però sorpreso la giovane ed era stata spinta via da lei, datasi alla fuga.

In tutte le testimonianze raccolte dai commercianti tornava una ragazza di carnagione scura, di origine sudamericana. I “detectives” della Mobile si sono così orientati su una minorenne già nota per episodi del genere, ipotesi successivamente corroborata dalle immagini dell’impianto di videosorveglianza presente in uno dei tre negozi. La 17enne è così stata denunciata e dovrà rispondere di furto e tentata rapina impropria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte