Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 13 Aprile 2019 10:08

Il bar “Rocce Nere” resta sequestrato, ma può riaprire

Aosta - A seguito dell’istanza dei gestori, il Gip Colazingari ha consentito (a condizione che non vengano apportate modifiche edilizie) la ripresa dell’attività commerciale del locale sulle piste ai piedi del Cervino.

Rocce NereIl bar "Rocce Nere" (foto dal profilo FB del locale).

Il bar “Rocce Nere” di Plan Maison, sulle piste di Cervinia, resta sotto sequestro, ma può riprendere l’attività. Lo ha disposto, nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 12 aprile, il Gip del Tribunale di Aosta Giuseppe Colazingari, a seguito dell’istanza depositata dai gestori del locale, cui Carabinieri e Corpo forestale hanno apposto i sigilli nella mattinata di ieri, giovedì 11, nell’ambito dell’indagine “Do Ut Des”, su presunti episodi di corruzione nella Valtournenche.

Il giudice ha respinto la richiesta di dissequestro parziale della struttura, che la Procura ritiene costituire un abuso edilizio (concretizzatosi attraverso un “patto corruttivo” tra l’allora capo ufficio tecnico comunale Fabio Chiavazza e il presidente della “Cervino SpA” Federico Maquignaz, il primo in carcere e l’altro indagato a piede libero). L’accertamento dell’illegittimità delle opere realizzate potrebbe farne scattare la confisca ed è quindi necessario che resti a disposizione dell’autorità giudiziaria. La prosecuzione dell’attività commerciale, invece, è stata ritenuta non influente sulle esigenze alla base del sequestro e, pertanto, autorizzata dal magistrato (a condizione che non venga apportata alcuna modifica edilizia).

Il pm Luca Ceccanti, titolare del fascicolo e richiedente della misura scattata ieri, nell’esprimere il parere della Procura sull’istanza dei gestori, si era pronunciato negativamente all’ipotesi di dissequestro, dando però il “via libera” alla riapertura. Il “Rocce Nere” risulta impiegare oltre venti dipendenti ed è provvisto di merci deperibili per la stagione in corso: aspetti che, vista la non diretta influenza sulle contestazioni mosse nell’inchiesta, hanno rappresentato elementi di valutazione dell’ufficio inquirente.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo