Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 20 Marzo 2018 11:33

Indagine sui sentieri del progetto “Giroparchi”: il pm chiede dieci rinvii a giudizio

Aosta - Formulata anche, rispetto al novero iniziale degli indagati, una richiesta di archiviazione. I reati contestati dalla Procura sono la frode nelle pubbliche forniture, la falsità commessa dal pubblico ufficiale e altre violazioni paesaggistiche ed edilizie

Trascorso il termine a disposizione degli indagati e ripercorsi gli atti, il pubblico ministero Carlo Introvigne ha richiesto al Giudice per l’Udienza Preliminare del Tribunale di Aosta dieci rinvii a giudizio e un’archiviazione relativamente all’inchiesta sui lavori di sistemazione e valorizzazione di sentieri situati nella zona del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Agli imputati la Procura contesta, a vario titolo, la frode nelle pubbliche forniture, la falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale e la violazione del testo unico in materia di edilizia, nonché del codice dei beni culturali e del paesaggio.

Le richieste di rinvio a giudizio riguardano: un funzionario dell’amministrazione regionale investito di funzioni di responsabile unico del procedimento (Alessandro Ceccon, 47 anni di Aosta); quattro liberi professionisti che hanno agito in qualità di direttori dei lavori (Duillio Gal, 51 anni, di Châtillon; Aldo Neyroz, 58, di Sarre; Manuel Lavoyer, 38, di Pontey; Mauro Andrea Perino, 45, di Bollengo) e cinque legali rappresentanti di imprese (Mario Nera, 57, delle '3A spa' e '3A srl' ed Egidio Pelini, 43, della 'Ecn34', entrambi di Roma; Simona Maccarone, 34, di San Gregorio di Catania e Domenico Cavallaro, 43, di Catania, della 'Ingegneria e ambiente srl'; Ennio Da Canal, 57, di Quart, della 'Ecoval srl'). La richiesta di archiviazione è formulata per un 38enne catanese, cui era stato recapitato l’avviso di chiusura delle indagini preliminari, ma che gli accertamenti successivi hanno evidenziato non rivestire posizione di rappresentanza aziendale.

Gli inquirenti – il Corpo di Sorveglianza del Parco Nazionale del Gran Paradiso e, per le parti all’esterno dell’area protetta, i Carabinieri della stazione di Cogne, coordinati dal pm Introvigne, sotto l’egida del Procuratore capo Paolo Fortuna – si erano concentrati in particolare su tre lotti di lavori, assegnati dall’Assessorato regionale all’agricoltura e rientranti nel progetto “Giroparchi”, finalizzato a dar vita ad un percorso integrato di fruizione delle riserve naturali. Avevano concluso (la chiusura indagini risale allo scorso novembre) che nella realizzazione delle opere – finanziate anche con fondi comunitari, perché contemplate dal Programma attuativo regionale 2007/13 del Fondo per le Aree Sottoutilizzate – vi sarebbero numerose difformità rispetto ai rispettivi progetti esecutivi, oltre a diverse omissioni.

In termini generali, sarebbero stati eseguiti meno lavori rispetto a quanto previsto. Inoltre, a seconda dei casi, i lavori sarebbero avvenuti in maniera difforme, o in variazione, dal permesso di costruire rilasciato dal comune di Cogne (per quelli in zona vincolata paesaggisticamente), oppure in modo non conforme, o in assenza, del nulla osta dell’Ente Parco Nazionale Gran Paradiso (per quelli su beni paesaggistici).

Le irregolarità contestate dalla Procura riguardano la sistemazione e la valorizzazione: del sentiero dalla Valnontey al rifugio Sella (del tutto all’interno del parco e finanziato per 843mila euro); del giro della Valsavarenche, del giro della Grivola, del Tour de la Vallée de Cogne e del giro della Valnontey (non interamente nell’area protetta, 331mila euro); dell’“Itinerario rosso” Col Nivolet-Col Rosset-Rifugio Benevolo-Lago Pellaud e dell’“Itinerario blu” Bivacco Gonthier-Chevrère-Mont Blanc-Voix-Mélignon-Bruil (sia all’esterno, sia all’interno del parco, per un finanziamento di 202mila euro).

Sarà ora il Gup del Tribunale, ricevuta l'istanza del Pubblico ministero, a dover stabilire la data dell’udienza preliminare per definire le posizioni dei dieci imputati, nonché a pronunciarsi sulla richiesta di archiviazione.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo