Manomissioni ai passaggi a livello sulla Torino-Aosta, indagato un 40enne

Gli inquirenti riconducono all’uomo vari episodi di manomissione alla stazione di Borgofranco d’Ivrea, che hanno provocato 181 minuti di ritardo a undici treni, nei mesi tra gennaio ed aprile di quest’anno.
Polfer
Cronaca

Molti, soprattutto tra i pendolari, ricorderanno alcune mattine dell’inizio di quest’anno, con la circolazione ferroviaria in tilt. Problemi che, più volte, erano stati spiegati dall’azienda ferroviaria con il guasto di passaggi a livello sulla linea Aosta-Torino. Disfunzioni su cui la Polizia ferroviaria di Piemonte e Valle d’Aosta ha investigato, risalendo ad un 40enne ora indagato dalla Procura di Ivrea, perché ritenuto responsabile di vari episodi di manomissione alla stazione di Borgofranco d’Ivrea.

I reati che gli vengono contestati, a piede libero, sono l’attentato alla sicurezza dei trasporti, l’interruzione di servizio pubblico, la violazione di domicilio e il danneggiamento. Ad occuparsi delle indagini è stata la Squadra di Polizia giudiziaria del Compartimento Polfer, attraverso una serie di servizi specifici e l’analisi delle immagini delle telecamere presenti nella zona dello scalo ferroviario e lungo le vie del comune.

Stando agli inquirenti, all’uomo vengono ricondotte – nel periodo tra gennaio e aprile del 2022 – manomissioni che hanno provocato 181 minuti di ritardo a undici treni. Sulla base delle indagini, l’uomo si sarebbe introdotto nei locali delle Ferrovie dello Stato e alterato i dispositivi di apertura dei passaggi a livello lungo la linea. Gli viene contestato, inoltre, il danneggiamento di un’obliteratrice e di un cavo collocato per dissuadere i viaggiatori dall’attraversare i binari.

Una risposta

  1. Avete pubblicato giusto oggi questo articolo. Il perché è la linea ferroviaria Aosta Torino che ha di nuovo avuto ritardo in mattinata. Detto da persone sul treno il “guasto” o “problema”, proprio Ivrea e limitrofi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte