Cronaca

Ultima modifica: 11 Settembre 2019 9:48

Morto a casa di un amico ad Aosta: indaga la Procura

Aosta - Sulla morte del quarantenne Valerio Zangla, avvenuta venerdì scorso, è stato aperto un fascicolo per “morte come conseguenza di altro delitto”. Dall’autopsia nessuna indicazione certa sul decesso: si attendono gli esami tossicologici.

Camera mortuaria Aosta

“Morte come conseguenza di altro delitto” è l’ipotesi di reato alla base del fascicolo aperto dalla Procura sulla morte, avvenuta venerdì scorso, di Valerio Zangla, quarantenne di origini siciliane e residente nel capoluogo regionale. Il decesso è avvenuto in un alloggio del quartiere Cogne di Aosta, casa di un amico della vittima, e le cause sono l’aspetto su cui il pm Eugenia Menichetti, titolare del fascicolo (che al momento non vede iscritti indagati), intende fare luce.

L’autopsia sul corpo dell’uomo è stata svolta ieri, ma non ha scaturito elementi certi quanto alle cause della morte. Gli inquirenti restano pertanto in attesa degli esami tossicologici, disposti assieme all’accertamento medico-legale, perché tra le ipotesi da vagliare vi è anche l’overdose. L’esito è atteso tra qualche settimana. Le indagini sono affidate alla Squadra Mobile della Questura, che sta anche accertando accadimenti simili risalenti al passato.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>