VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 28 Marzo 2021 14:01

Paura ad Arnad, incendio in un’azienda agricola: nessun ferito

Arnad - A pochi giorni dal rogo che ha pesantemente danneggiato un'azienda agricola a Donnas, le fiamme sono scoppiate in un'altra cascina, non lontano. I presenti sono riusciti a portare in salvo, all'esterno della costruzione, le numerose bovine.

Dopo quello che, due giorni fa, ha pesantemente danneggiato un’azienda agricola a Donnas, nel pomeriggio di oggi, sabato 27 marzo, un incendio è tornato a far paura in bassa valle. Le fiamme si sono sviluppate dal fienile della cascina della famiglia Pinet, ad Arnad, in località Torretta, e hanno coinvolto anche una parte di bosco adiacente.

Non risultano feriti tra le persone che erano al lavoro e le numerose bovine, di cui era in corso la mungitura, sono state portate in salvo all’esterno della stalla, non appena gli allevatori, allertati dall’odore di bruciato, hanno realizzato cosa stesse accadendo. Sul posto stanno intervenendo i Vigili del fuoco effettivi e volontari (i distaccamenti di Arnad, Issogne, Donnas e Verrès) e sono presenti anche i Carabinieri, per i primi accertamenti sulle cause. Anche in questo caso, viste le proporzioni assunte dal rogo, si annuncia purtroppo una conta di danni ingente.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo