Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 9 Agosto 2019 10:02

Polstrada, da inizio anno triplicati i verbali per eccesso di velocità

Aosta - L’attenzione su questo specifico aspetto del Codice della strada continuerà, nella settimana di ferragosto, in trentun Paesi europei, grazie ad una campagna congiunta delle Polizie stradali del continente.

Da gennaio all’inizio di agosto, la Polizia stradale ha elevato in Valle d’Aosta oltre 1.500 verbali per eccesso di velocità. Il numero è praticamente triplicato rispetto ai circa 400 dello stesso periodo dell’anno scorso. Alla base dell’aumento vi è anche l’incremento del numero dei servizi di vigilanza programmati su questa specifica violazione al Codice della strada.

Il monitoraggio della velocità sarà, peraltro, a breve oggetto di una campagna specifica, denominata “Speed”, in programma dal 12 al 18 agosto prossimi e promossa dal network europeo delle Polizie stradali “Tispol”, nato nel 1996. Alla rete di cooperazione aderiscono trentun Paesi europei, tra i quali tutti gli Stati membri, oltre alla Svizzera e alla Norvegia, con la Serbia come osservatore.

Lo scopo di “Speed”, che scatterà nel periodo di ferragosto, tradizionalmente più “caldo” per gli spostamenti, è di contrastare, su tutte le arterie europee di grande viabilità, il superamento dei limiti di velocità da parte dei conducenti dei veicoli a motore, affinché si sviluppi la coscienza e la consapevolezza che nello stesso momento tutte le forze di Polizia stradale dell’Unione stanno operando con medesime modalità, strumenti omogenei e un obiettivo comune.

Per quanto riguarda il territorio italiano, la Polstrada ha predisposto l’effettuazione, per tutti e sette i giorni interessati, di controlli mirati della velocità e anche l’implementazione dei servizi con i sistemi “Tutor” e “Vergilius” sulle arterie autostradali e di grande comunicazione. Per quanto riguarda la Valle, la Sezione di Aosta ha previsto l’utilizzo di tutte le apparecchiature elettroniche a disposizione, dislocate in particolare sull’A5, da Quincinetto al Traforo del Monte Bianco, e sui principali rami della rete viaria regionale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>