Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 17 Novembre 2020 10:38

Positività al Covid scoperta in sala operatoria, da indagini no responsabilità del paziente

Aosta - L’episodio risale all’inizio di marzo. L’uomo, poco prima di una rinoplastica, aveva tossito ripetutamente, insospettendo l’anestesista. Dagli accertamenti, nessun operatore venuto a contatto con il paziente è stato contagiato.

trapianto medici sala operatoria

L’episodio risale agli inizi di marzo. Un uomo, portato al “Parini” in sala operatoria per un intervento non urgente, tossisce ripetutamente, circostanza che insospettisce l’anestesista. Scattano a quel punto una serie di accertamenti (incluso un tampone), dai quali emerge la positività del paziente al Covid-19, con il blocco dell’operazione e l’isolamento dell’interessato. Fatti che avevano condotto la Procura ad aprire un fascicolo, con l’ipotesi di epidemia colposa, di cui – alla luce delle risultanze delle indagini svolte – il pubblico ministero Luca Ceccanti ha richiesto al Gip del Tribunale l’archiviazione.

Gli inquirenti hanno infatti messo a fuoco, in particolare, due elementi tali da non configurare responsabilità a carico dell’indagato, che aveva lavorato in una località sciistica della Valle, venendo a contatto con i turisti che ancora affollavano le piste prima del “lockdown”. Il primo è che, a seguito delle verifiche effettuate sugli operatori sanitari venuti a contatto con lui, nessuno è risultato essere rimasto contagiato dal Covid-19 (presupposto del reato contestato). L’altro è l’aver appurato che, non appena l’anestesista aveva chiesto al paziente delle sue condizioni, questi ha riferito di sentirsi la febbre, senza minimamente celare la circostanza.

In sostanza, più che di fronte a un caso di omissione dei sintomi, la valutazione inquirente è che gli stessi non siano stati sondati, considerando anche che – trovandosi nei primi giorni della fase acuta dell’emergenza (non erano ancora state bloccate le prestazioni operatorie non essenziali) – le procedure al riguardo potessero non essere ancora rigidamente codificate. La temperatura corporea dell’uomo, dopo la tosse notata dall’anestesista poco prima della rinoplastica cui stava venendo avviato, secondo una testimonianza raccolta all’epoca dalla nostra testata, era “appena inferiore ai 38 gradi”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo