Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 6 Aprile 2021 20:52

Prende fuoco un tetto a Verrès, lo spengono gli operai intenti a lavorare

Verrès - I Vigili del fuoco sono intervenuti attorno alle 12.30 di oggi, martedì 6 aprile, in frazione Torille. Le cause del rogo sono, probabilmente, da attribuirsi ad un corto circuito elettrico.

Incendio TorilleIl tetto bruciato a Torille.

Ancora una volta, i Vigili del fuoco sono accorsi in bassa Valle per un rogo, l’ennesimo di questo periodo caratterizzato dal rialzo delle temperature e da giornate ventose. Oggi, martedì 6 aprile, tuttavia, arrivati in frazione Torille di Verrès, le fiamme risultavano già spente da alcuni operai edili che stavano effettuando dei lavori sul tetto dell’abitazione interessato dal principio d’incendio.

I Vigili del fuoco, sia volontari dei distaccamenti di Verrès e Arnad, sia professionisti del comando regionale, hanno così compiuto alcune verifiche strumentali e hanno quindi fatto rientro nelle rispettive sedi. Le cause, a quanto si apprende, sono probabilmente da attribuirsi a un corto circuito elettrico. Le operazioni di spegnimento e messa in sicurezza si sono concluse nel primo pomeriggio (l’allarme era scattato attorno alle 12.30).

Incendio Torille
Il tetto bruciato a Torille.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo