Cronaca di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 19 Giugno 2018 17:51

Quattro bombe molotov contro la filiale UniCredit Banca in corso Padre Lorenzo

Aosta - Il fatto è accaduto intorno alle 4,30 mentre nella notte tra sabato e domenica. La pista è quella di attacchi anarco-insurrezionalisti per la protesta in atto contro gli attacchi libici sulla scia di quanto avvenuto anche a Torino, Bologna, Lecce.

Unicredit Banca di corso Padre Lorenzo

La vetrina della filiale della UniCredit Banca in corso Padre Lorenzo ad Aosta questa mattina è annerita mentre alcuni operai sono intenti a rimetterla a nuovo. Nella notte tra sabato e domenica sono state lanciate quattro bottiglie molotov contro la vetrata che è rimasta gravemente danneggiata, nessun ferito e nessun edificio circostante ha subito danni.
 

Il fatto è accaduto intorno alle 4,30 mentre l’allarme è stato lanciato da alcuni residenti che hanno notato le fiamme intorno all’edificio. Ad evitare ulteriori danni è stato l’intervento dei Vigili del Fuoco. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia e della Digos che hanno effettuato i primi rilievi . Secondo il questore di Aosta Maurizio Celia si tratta di un gesto dimostrativo, così come avvenuto contro le sedi di UniCredit di Torino, Bologna, Lecce. La pista è quella di attacchi anarco-insurrezionalisti per la protesta in atto contro gli attacchi libici.

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo