Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 22 Giugno 2021 15:39

Riforma della giustizia, anche gli avvocati valdostani in “sciopero” questa settimana

Aosta - L’astensione dalle udienze del 24 e 25 giugno è promossa, a livello nazionale, a seguito della sostituzione del Gip nel procedimento penale sulla tragedia del Mottarone. Le Camere penali: è il momento per la separazione delle carriere di giudici e pm.

Faldoni TribunaleImmagine di archivio

Il provvedimento di sostituzione del magistrato incaricato di svolgere le funzioni di Giudice per le Indagini Preliminari nel procedimento penale sula tragedia della funivia del Mottarone ha innescato la protesta degli avvocati di tutta Italia. Al riguardo, anche la Sezione Valle d’Aosta della Camera penale “Vittorio Chiusano” ha aderito all’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria per giovedì 24 e venerdì 25 giugno prossimi.

L’iniziativa è stata proclamata dall’Unione delle Camere penali italiane, con un provvedimento “le cui motivazioni vengono completamente condivise”, scrive in una nota il presidente della sezione valdostana, l’avvocato Giovanni Borney. In esso, si legge che “la gravità di quanto accaduto a Verbania deve essere denunziata da tutta l’Avvocatura e da tutti coloro che hanno a cuore il rispetto delle regole atte a garantire la terzietà del giudice ed i diritti delle parti”.

Partendo dal presupposto che “è sempre più evidente che la unicità delle carriere dei magistrati del pubblico ministero e dei giudici impedisce la piena realizzazione dei principi costituzionali del giusto processo”, per le Camere penali si rivela necessaria, “anche al fine di riconsegnare credibilità alla giurisdizione del nostro Paese”, la “legge di riforma costituzionale di iniziativa popolare per la realizzazione della separazione delle carriere”, sottoscritta “da oltre 70mila cittadini italiani” ed in discussione in Parlamento.

Oltre all’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria, le Camere penali territoriali sono invitate ad organizzare, per giovedì 24 giugno, “iniziative di informazione e di discussione sulle ragioni della protesta”, mentre il giorno successivo, venerdì 25, è indetta una manifestazione nazionale a Roma, alla quale sono invitate “a partecipare tutte le forze parlamentari che siano disponibili al rilancio del percorso per la approvazione della legge di iniziativa popolare” promossa dall’Unione delle Camere Penali Italiane.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo