VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 26 Febbraio 2021 18:08

Speed rider cade sul Monte Bianco, soccorso in elicottero

Courmayeur - E’ accaduto attorno alle 12 di oggi, venerdì 26 febbraio. Si tratta di un 45enne della provincia di Torino, trasportato al “Parini”. Dopo essersi lanciato dal colle del Gigante, è precipitato sul seracco sottostante, ma i compagni sono riusciti a recuperarlo.

Un 45enne residente in provincia di Torino è stato soccorso in elicottero sul colle del Gigante (nel massiccio del Monte Bianco), a quota 3.400 metri, dopo essere caduto mentre praticava speed riding, la specialità che prevede di lanciarsi con una vela con gli sci ai piedi. L’incidente si è verificato attorno alle 12 di oggi, venerdì 26 febbraio. L’uomo è stato trasportato in Pronto soccorso, dopo gli accertamenti è stato ricoverato in osservazione breve intensiva con un politrauma.

In base ad una prima ricostruzione dell’accaduto, il pilota ha avuto un problema in fase di decollo. Dopo essersi lanciato dal colle, a seguito del mancato gonfiarsi della vela, o della mancanza di portanza nel volo, è caduto nel seracco sottostante. Alcuni compagni sono però riusciti a recuperarlo, riportandolo sul Colle, dove è stato raggiunto dall’equipaggio dell’elicottero, con a bordo i tecnici del Soccorso Alpino e dal medico rianimatore.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo