Travolto da una valanga al col Fourchon, i soccorritori lo estraggono vivo

Il distacco si è verificato poco prima delle 13 di oggi, sabato 20 marzo, nel vallone del Gran San Bernardo, a circa 2.500 metri di altitudine. L'uomo, trascinato per 300 metri dalla neve, era con alcuni compagni ed è stato localizzato con l'artva.
soccorso al col fourchon
Cronaca

Uno scialpinista francese di 52 anni è stato investito da una valanga staccatasi poco prima delle 13 di oggi, sabato 20 marzo, al col Fourchon, nel vallone del Gran San Bernardo. L’uomo è stato trasportato in ospedale, dopo il recupero del Soccorso Alpino Valdostano, intervenuto in elicottero. I tecnici, grazie all’individuazione con l’Artva da parte di un compagno, non travolto dalla massa nevosa, lo hanno estratto dalla neve vivo ed ora sono in corso i controlli in Pronto Soccorso: presenta una condizione di ipotermia, unita ad un politrauma.

Secondo le prime informazioni, la vittima dell’incidente, avvenuto a quota 2.500 metri circa, era parte di un gruppo di più sciatori. La valanga si è staccata al passaggio in corrispondenza di una “placca a vento”. Nella zona, il manto nevoso è reso instabile anche dalle polveri sahariane riportate dalle correnti nelle scorse settimane, tali da indurire lo strato su cui si posano rispetto a quelli di neve pulita, che tendono quindi a scivolare su quelli sotto. Dopo essere stato investito, lo scialpinista è stato trascinato per circa 300 metri, riuscendo a restare sempre parecchio in superficie nonostante non indossasse l’airbag.

Il resto del gruppo era più indietro, o comunque a lato, evitando così la traiettoria della massa di neve. I soccorsi sono stati allertati via radio da un compagno, tramite il “Canale E”, una frequenza per il soccorso in montagna comune a Valle d’Aosta, Savoia e Vallese. La comunicazione, inizialmente, è risultata confusa, anche per la comprensibile agitazione del chiamante, che si stava già attivando per la ricerca con l’artva, ma l’operatore di centrale del Sav è riuscito a ricavare le indicazioni necessarie per un rapido decollo dell’elicottero verso la zona ipotetica dell’evento, che si è poi rivelata corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte