Truffa sui guanti al JB Festaz, due rinvii a giudizio

Non hanno chiesto riti alternativi, quindi i due imputati – Andrea Ambrogetti (59 anni) e Ilaria Sbressa (49), entrambi di Roma, soci di un’azienda con sede in Inghilterra – sono stati rinviati a giudizio. Prima udienza il 25 ottobre.
Aula tribunale, Tribunale, udienza, giudizio, processo
Cronaca

Non hanno chiesto riti alternativi al giudice Giuseppe Colazingari e l’udienza preliminare su una presunta truffa aggravata ai danni della casa di riposo JB Festaz di Aosta, per la mancata fornitura di dispositivi di protezione durante l’emergenza Covid-19, si è chiusa oggi, martedì 7 giugno, con il rinvio a giudizio di entrambi gli imputati.

Si tratta di Andrea Ambrogetti (59 anni, Roma) e di Ilaria Sbressa (49, Roma), rispettivamente socio e procuratrice della “Smartlab procurement Ltd”, società con sede in Inghilterra. La prima udienza del dibattimento con rito ordinario è stata fissata per il 25 ottobre prossimo, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale.

L’azienda, nella ricostruzione della Procura, nel novembre del 2020 aveva intrapreso trattative commerciali con la struttura aostana per la vendita alla casa di riposo di 3.600 scatole, da 100 pezzi l’una, di guanti sterili. Secondo gli accertamenti del Gruppo Aosta della Guardia di finanza, coordinati dal pm Luca Ceccanti, la società aveva però omesso di specificare che non disponeva del materiale oggetto del contratto (che doveva, è emerso dalle indagini, essere fornito da varie altre ditte).

Inoltre, la contestazione ai due imputati è di essersi presentati agli occhi del JB Festaz come società pienamente operativa, mentre la “Smartlab” non è risultata avere la disponibilità di magazzini, né altre strutture in Italia. Nella tesi accusatoria, la casa di riposo era stata indotta dai diversi scambi mail con la ditta a pagare la commessa, per un totale di 32.400 euro, senza però ricevere i guanti. Ad innescare il procedimento è stata la denuncia della casa di riposo, rappresentata dall’avvocato Davide Meloni del foro di Aosta.

Gli imputati sono difesi dall’avvocato Valeria Fadda di Aosta. Iniziata lo scorso gennaio, l’udienza preliminare aveva visto dei rinvii, anche nelle more di consentire la valutazione di un risarcimento del danno patito dalla casa di riposo, ipotesi che però non risulta essersi concretizzata al momento.

Una risposta

  1. ma….. 32.400€ diviso 3.600 guanti fa la bellezza di 9€ a guanto !!! Erano forse placcati oro ?? I guanti in lattice sterili monouso costano circa 20 centesimi/cad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca