Una petizione per chiedere un centro regionale di compostaggio per la raccolta dell’umido

La proposta sarà presentata giovedì prossimo e la raccolta firme partirà domenica 29 novembre in via Croce di Città, ad Aosta, dalle ore 15 alle ore 17. Promosse altre iniziative a vantaggio dei cittadini.
Compostaggio
Cronaca
Il Comitato Rifiuti Zero VdA, in collaborazione con Legambiente VdA, Amici del Viale della Pace, Diritto al Futuro, Codacons e Adiconsum, si fa promotore di una petizione atta a richiedere all’Amministrazione regionale un centro regionale di compostaggio per la raccolta dell’umido in Valle d’Aosta o in  alternativa vari centri di compostaggio per ogni singola Comunitò Montana. Tra le altre richieste anche l'incentivazione "della raccolta dei rifiuti organici, laddove non sia possibile il compostaggio domestico e la distribuzione gratuita di compostiere alle famiglie che ne facciano richiesta".
La raccolta firme partirà domenica 29 novembre con un banchetto in via Aubert, angolo Lebbroso (dalle 14 alle 18). A presentare la petizione sarà una conferenza stampa indetta alle ore 17,15 di giovedì 26 novembre al Centro Servizi per il Volontariato ad Aosta. “Nella settimana europea della riduzione dei rifiuti – scrivono le associazioni promotrici – si è molto parlato di compostaggio. La Regione, nonostante promuova il compostaggio domestico, non intende raccogliere l'umido in città e nei luogni in cui  non è possibile il compostaggio domestico”.

Durante l’incontro sarà presentata anche una lettera attraverso cui i cittadini che eseguono il compostaggio domestico potranno richiedere alle comunità Montane di riferimento, l'ottenimento della riduzione della tariffa del 25%, come previsto dalla delibera di Giunta 3586. L'associazione Diritto al futuro presenterà infine la nuova mobilitazione contro la truffa dei Cip6, i sussidi all'incenerimento "che ingiustamente vengono attinti dalle bollette elettriche di tutti i cittadini". In particolare sulla bolletta elettrica di ogni utente, viene "indebitamente prelevato il 7% per finanziare fonti non rinnovabili". "Si tratta di oltre 40 miliardi di euro – spiegano i propositori che non sostengono la diffusione di energie pulite come previsto dall’UE, ma al contrario foraggiano impianti nocivi per la salute e per  l'ambiente". 

 
Verranno infine analizzati gli esiti della seconda visita civica effettuata alla discarica.
 
Per ulteriori informazioni: www.amicidelviale.blogspot.com

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte