Valgrisenche in lutto: è morto il vice sindaco Eugenio Bovard

L'uomo era ricoverato dalla scorsa settimana all'Ospedale Parini di Aosta. Bovard, già sindaco di Valgrisenche dal 1981 al 1985, lascia la moglie e tre figli.
Eugenio Bovard - Foto Ordine dottori Agronomi e Forestali
Cronaca

E’ mancato nella notte all’Ospedale Parini di Aosta, dove era ricoverato dalla scorsa settimana, il vice sindaco di Valgrisenche Eugenio Bovard.

L’uomo, che avrebbe compiuto 68 anni il prossimo 23 novembre, era risultato positivo al Covid.

“Non ho parole” dice la sindaca Aline Viérin “Lascia un grosso vuoto, oltre ad essere un amico Eugenio era un collega. E’ davvero una brutta notizia”.

Dottore Forestale libero professionista, Bovard era stato dal 1981 al 1985 sindaco di Valgrisenche, dal 1990 al 1998 presidente dell’Uncem Valle d’Aosta e dal 1980 al 1998 presidente della Comunità montana Grand Paradis  Dal 2011 al 2017 aveva guidato l’Ordine dei dottori agronomi e forestali della Regione Autonoma della Valle d’Aosta.

Il 23 settembre scorso assieme alla lista Avenir Ensemble, guidata dal sindaco Aline Viérin, aveva scalzato la precedente amministrazione del paese.

L’uomo lascia la moglie e tre figli.

Il cordoglio del Cpel

L’Assemblea del Consiglio permanente degli enti locali esprime il più sincero cordoglio per la morte di Eugenio Bovard, vicesindaco di Valgrisenche.

“Ci stringiamo intorno alla famiglia, agli amici, alla Sindaca Aline Viérin, all’Amministrazione comunale e a tutti i Valgriseins, in questo momento di profondo dolore”, dice Franco Manes, presidente del Cpel. “Perdiamo un amministratore di grande esperienza, un amico della montagna, che in tutta la vita ha affiancato all’impegno professionale anche una passione politica autentica, espressa sul territorio sempre senza risparmiarsi”.

Il cordoglio del Consiglio Valle, del Governo regionale e dell’Unité Grand Paradis

Anche il Presidente Alberto Bertin, a nome del Consiglio Valle, dell’Ufficio di Presidenza e a nome suo personale, esprime i sentimenti di commosso cordoglio per la scomparsa di Bovard: “Ci associamo al dolore della famiglia e della comunità di Valgrisenche che perdono oggi un uomo onesto e fedele ai propri valori, un amministratore di qualità e di grande esperienza, un professionista serio e lungimirante, che con il suo lavoro ha contribuito allo sviluppo del settore della forestazione. Alla moglie e ai figli vanno le nostre più sentite condoglianze, così come va tutta la nostra solidarietà al Sindaco Aline Viérin, alla Giunta e al Consiglio comunale nonché a tutti i Vagrezèn”.

Anche il Governo regionale esprime profondo cordoglio per la morte del Vicesindaco del Comune di Valgrisenche Eugenio Bovard. Il Governo regionale manifesta la propria vicinanza alla moglie Andreina, ai figli e a tutta la comunità di Valgrisenche.

C’est avec tristesse que, ce matin, nous avons appris du décès de Monsieur Eugenio Bovard, ancien président de la Communauté de montagne Grand Paradis.
Profondément engagé pour l’essor de notre communauté, il a mis sa clairvoyance et son savoir-faire au service de ses concitoyens.
Grâce à son esprit innovateur, de nombreux services ont vu le jour : le service centralisé des paies, le service pour les consortiums d’amélioration foncière ou encore le service de remplacement des employés communaux.
Animé par la volonté de faire connaître notre territoire aux jeunes étudiants, il avait contribué à l’organisation des séjours à la montagne itinérants (bien avant que ça devienne une mode) et à la valorisation des centres aérés. Sa culture et son attachement à nos origines linguistiques l’avaient également poussé à organiser des séjours en France pour les jeunes étudiants, la meilleure façon, disait-il, pour promouvoir le bilinguisme.
Eugenio croyait fortement en tout ce qu’il proposait et là résidait toute sa force. De plus, il avait la capacité de stimuler ses collaborateurs en travaillant avec eux pour atteindre un objectif commun.
Le président de l’Unité Grand-Paradis, Mauro Lucianaz, ainsi que les élus et tout le personnel de l’Unité s’associent à la peine d’Andreina, son épouse, et de Josianne, Jean-Marc et Joseph, ses enfants, ainsi que de toute sa famille.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte