Arborea: la rassegna ha preso il via a Gressan

La rassegna culturale si articola su altre tre giornate: lunedì 16, mercoledì 18 e venerdì 20 maggio negli spazi rinnovati di Maison Gargantua. Il 18 alle 20.45 è atteso Enzo Bianchi, il fondatore della Comunità di Bose.
Renato Poletto_Suonare gli alberi
Cultura

Un viaggio – concerto in stretta connessione con gli alberi e il mondo vegetale. Renato Poletto, l’uomo che suona con le piante, ha dato ufficialmente il via oggi, venerdì 13 maggio, nel suggestivo Teatro di paglia sulla collina morenica di Gressan, all’edizione di Arborea Eptagono 2022 , la rassegna culturale ideata e organizzata in stretta sinergia dal Comune di Gressan e dalla compagnia “Replicante teatro” che animerà gli spazi rinnovati di Maison Gargantua e i suoi dintorni per altre tre giornate oltre a quella odierna: lunedì 16, mercoledì 18 e venerdì 20 maggio.

Maison Gargantua Gressan

Da mattino a sera si alterneranno reading, spettacoli, laboratori e momenti conviviali che coinvolgono 24 artisti, tra valdostani e non. Tra gli appuntamenti più attesi della rassegna c’è l’incontro con Enzo Bianchi, il fondatore della Comunità di Bose di cui è stato priore sino al gennaio 2017, previsto il 18 maggio alle 20.45. “Parlare con gli alberi” è il titolo scelto per l’evento in cui Bianchi proporrà le sue riflessioni accompagnato dai clarinetti di Selene Framarin.

Enzo Bianchi

Il programma di Arborea 2022

Lunedì 16 maggio, seconda giornata di Arborea, darà grande spazio al mondo dell’audiovisivo e della cinematografia. La mattinata si apre con il laboratorio video – “Le passeggiate visionarie” – condotto da Alessandro Stevanon e rivolto alle scuole che si svolge nella corte di Maison Gargantua. Due proiezioni aperte al pubblico e presentate dal critico e giornalista Luciano Barisone sono il piatto forte della proposta pomeridiana e serale. Alle 17 è in programma il film “Alberi” di Michelangelo Frammartino, mentre alle 21 nel Teatro di Paglia viene proiettato, alla presenza del regista, il film “Nos forêts” di Matthieu Chatellier (prenotazione obbligatoria al 338.3822886).

Oltre alle riflessioni e agli stimoli culturali, Arborea si propone come una rassegna in cui fare delle cose.  La giornata clou dedicata ai laboratori è mercoledì 18 maggio in cui è in programma “L’uomo che piantava gli alberi” un progetto didattico promossa dall’Assessorato regionale all’Ambiente in collaborazione con la Fondazione Natalino Sapegno, dedicato alle scuole primarie dell’Istituzione scolastica Mont Emilius 3. Alle 14.30 al Teatro di paglia della Collina Morenica Gargantua Enrica Salice, insegnante di yoga e costellatrice familiare, anima “Il tempio arboreo”, un laboratorio dove “fare anima” (prenotazione obbligatoria al n° 338.3822886).

L’ultima giornata di Arborea, venerdì 20 maggio, si apre con “Passaggi sonori”, un laboratorio a cura di Manuela Filippa ed Enrico Montrosset  che coinvolgerà due classi delle scuole primarie di Gressan e di Chevrot con l’obiettivo di sensibilizzare i bambini ad un ascolto consapevole e attivo del paesaggio sonoro. Il Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore (LabPerm) di Domenico Castaldo proporrà al pomeriggio il laboratorio “Liturgia” in cui nonni e nipoti faranno insieme pratica di canto, mentre la sera, alle 20.45, porterà in scena lo spettacolo “L’Arte del Vivere e del Morire”.

La partecipazione a tutti i laboratori e agli spettacoli è  gratuita, ma tenuto conto dei posti e della capienza limitata è necessario prenotare obbligatoriamente al 338.3822886.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura