Censimento Fai: Cime Bianche è ancora il “luogo del cuore” della Valle d’Aosta

Con 1.216 voti raccolti nell'ultimo Censimento Fai, il vallone della Val d'Ayas si posiziona al 172esimo posto totale su più di 38.800 luoghi. 
Vallone di Cime Bianche Aosta C fonte portale Luoghi del Cuore
Cultura

E’ anche quest’anno il Vallone di Cime Bianche il luogo del cuore per i valdostani. Con 1.216 voti raccolti nell’ultimo Censimento Fai, il vallone della Val d’Ayas si posiziona al 172esimo posto totale su più di 38.800 luoghi.

I risultati sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla presenza di Marco Magnifico, Presidente del FAI, e di Gian Maria Gros-Pietro, Presidente di Intesa Sanpaolo, e con la partecipazione dei rappresentanti dei tre beni vincitori, che riceveranno, a fronte di un progetto, un contributo per il restauro e la valorizzazione.

Il censimento Fai è la campagna italiana di sensibilizzazione dei cittadini sul valore del patrimonio e sulla necessità di proteggerlo e valorizzarlo.
I primi luoghi in classifica nazionale sono la Chiesetta di San Pietro dei Samari a Gallipoli (LE), che conquista il primo posto; il Museo dei Misteri di Campobasso, secondo e la Chiesa di San Giacomo della Vittoria ad Alessandria, terza.

“Il Vallone delle Cime Bianche, di Cortot o Cortaud, rappresenta l’ultima vasta area della Val d’Ayas priva di piste da sci o impianti di risalita, di strade, centraline idroelettriche private e strutture invasive per l’ecosistema.  – spiega la scheda Fai – Il vallone è un luogo di grande valore per via del suo raro, fragile, ecosistema, caratterizzato da peculiarità geologiche: tra tutte campeggiano le tre Cime Bianche (Gran Sometta, Bec Carré e Pointe Sud), la cui fascia chiara è quanto rimane delle isole coralline di un mare tropicale sconvolto dallo scontro della zolla europea con quella africana. É caratterizzato da una grande biodiversità, che gli è valsa l’elogio da parte della Società Botanica Italiana, grazie alle miriadi di polle, zone umide e macereti, torrenti e laghi d’alta quota.” Il Vallone è oggi al centro di un progetto di collegamento funiviario intervallivo fra la Val d’Ayas e Cervinia.

“In questa edizione, in maniera particolarmente evidente, ‘I Luoghi del Cuore’ hanno dato voce agli ‘ultimi’, a quei luoghi del patrimonio culturale italiano considerati minori, che non hanno mai avuto l’attenzione del Paese, ma che invece la meritano, e che senza l’amore delle persone che li hanno votati si sarebbero persi. Ridare voce e dignità agli ‘ultimi’: non c’è missione più bella e più vera per ‘I Luoghi del Cuore’” commenta il Presidente del FAI, Marco Magnifico.

Altri luoghi del cuore della Valle d’Aosta sono il Santuario di Voury a Gaby, la Funivia Furggen, il Cervino Monterosa Paradise ma anche la Ferrovia Aosta-Pré-Saint-Didier. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte