Il “Cristallo di Luce” di Scroppo illumina la Cittadella dei Giovani

L'installazione dell'artista torinese - che restituisce anche energia autoalimentandosi attraverso un sistema di pannelli fotovoltaici - ha raggiunto la sua completezza di opera con la performance a cura di Tida e con la mostra fotografica a cura di Giorgio Prodoti.
Cristallo di Luce
Cultura

Un obelisco, un simbolo di luce che corre parallelo alla vita degli uomini e alla loro storia. L’artista torinese Diego Scroppo racconta la sua opera, inaugurata ieri (giovedì 29 settembre, ndr.), in Cittadella dei Giovani, come un percorso fatto di riflessioni e pensieri su come l’arte possa restituire alla società energia, figurata e non. Il Cristallo di Luce è un’installazione itinerante di arte pubblica, capace di generare energia per le comunità locali. Un monumento contemporaneo che innesca spettacoli e azioni performative capaci di raccontare modelli possibili di sviluppo sostenibile ed è stata realizzata dall’artista torinese con The Sharing.

Il progetto ha vinto il bandoART~WAVES”, promosso dalla Fondazione Compagnia di San Paolo, che sostiene progetti destinati all’ambito artistico e culturale, volti alla valorizzazione, produzione e fruizione di beni e attività culturali sul territorio di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Alta sette metri, l’opera non è solo bella e imponente, ma, appunto, restituisce energia alla società e non solo bellezza: composta di acciaio e vetro e si autoalimenta attraverso un sistema di pannelli fotovoltaici in grado anche di fornire energia, secondo le sue capacità, a e-bike e piccoli dispositivi digitali. Nelle condizioni ambientali ottimali è in grado di illuminarsi, ricaricare smartphones e fino a sei biciclette elettriche in una giornata. Non solo arte per arte, ma dunque arte per un mondo migliore, più sostenibile, più attento all’impatto che l’essere umano e i suoi bisogni hanno sul pianeta.

Mostra fotografica
Mostra fotografica

All’interno dell’opera trova spazio un albero di ulivo, pianta dalle origini antiche dalla grande valenza ambientale, protettrice della vita e della biodiversità. Cristallo di Luce è anche una decostruzione dell’obelisco in chiave moderna, la cui forma ricorda la geometrica perfezione delle cime delle Alpi, bellissime e maestose ma allo stesso tempo fragili e da proteggere. Un connubio di arte, natura e tecnologia che si integra in maniera organica nell’ambiente circostante con bassissimo impatto ambientale.

Questa produzione, a cavallo tra nuove tecnologie, arti visive, performance e musica, è stato il progetto incubato dal programmaTracce”, a cura di Tida e Fonosintesi, finanziato a sua volta dal bando “ART-WAVES”. È così quindi che a completare l’installazione e farla vivere, durante l’inaugurazione, sono state le fasi finali di due laboratori artistici, uno fotografico e l’altro di movimento ed improvvisazione, a cura rispettivamente del fotografo Giorgio Prodoti e di Tida

La performance, prodotta da The Sharing, nel cortile della Cittadella dei Giovani di Aosta, è stata accompagnata da una proposta musicale curata dalla direzione artistica del festival Chamoisic con i musicisti CLG Ensemble e da un trio di danzatori con il coinvolgimento degli allievi del laboratorio e ha entusiasmato il pubblico per forza espressiva e delicatezza nel saper raccontare, solo con il movimento e con la libertà espressiva del corpo, un mondo in preda ai cambiamenti climatici e alle loro conseguenze.

Il laboratorio fotografico e la mostra finale sul tema delle fonti di energia rinnovabili “Il linguaggio dell’immagine” ha invece cercato di far riflettere i partecipanti, studenti del Liceo classico, artistico e musicale, su come gli scatti possano travalicare i confini dello spazio e del tempo rivolgendosi direttamente agli esseri umani, portando messaggi dal passato o da terre lontane. Gli ambiti di applicazione sono illimitati, e tra questi, nel laboratorio di fotografia condotto da Giorgio Prodoti, ne sono stati approfonditi tre: il ritratto, la fotografia di strada e quella concettuale. Tramite esempi pratici ed esercizi mirati i partecipanti hanno imparato a modellare la luce e comporla in maniera da ottenere il risultato voluto, per la comunicazione di un messaggio di senso compiuto. Gli scatti, fatti solo attraverso gli smartphone, hanno assunto così diverse forme e si sono fatti portatori di diversi messaggi: speranza, denuncia o stato della realtà oggettivo.

Performance
Performance

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte