Italo Mus da domani potrà essere ammirato anche ad Aosta

Apre domani al pubblico, presso il Centro Saint-Bénin di Aosta, la mostra Italo Mus nelle collezioni della Regione autonoma Valle d’Aosta. La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà aperta fino al 3 marzo 2013.
Italo Mus, ph da Love.vda.it
Cultura

Apre domani al pubblico, presso il Centro Saint-Bénin di Aosta, la mostra Italo Mus nelle collezioni della Regione autonoma Valle d’Aosta. Dopo l’esposizione dedicata a Mus e ospitata al Baron Gamba di Châtillon, la Regione decide di allargare lo sguardo sul pittore, portando altre sue opere ad Aosta, dove già erano state esposte in occasione della settimana della Cultura.

Al Saint-Bénin si potranno scoprire sette imponenti opere del grande maestro valdostano, non incluse nel percorso di visita della mostra di Châtillon per le notevoli dimensioni.

"Databili agli anni Cinquanta del Novecento – si legge in una nota –  le opere furono realizzate dall’artista nel clima effervescente del boom economico per le numerose esposizioni di prodotti industriali e artigianali organizzate sia in Valle sia al di fuori dei confini regionali. Configurandosi come veri e propri manifesti destinati a illustrare non solo la realtà economica, ma anche la cultura materiale e i valori tradizionali della comunità valdostana, le composizioni create per tali eventi si collocano a metà strada tra arte e comunicazione pubblicitaria, rivelando un moderno talento grafico dell’artista."

La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà aperta fino al 3 marzo 2013. Nella stessa sede sarà possibile visitare, sempre gratuitamente lo spazio Innocenzo Manzetti: l’inventore e il suo Automa.

Nei mesi di gennaio e febbraio saranno organizzate presso la sede espositiva di Aosta, alcune attività didattiche per famiglie dedicate a Italo Mus e alla pittura e diverse conferenze dedicate al nuovo Museo di arte moderna e contemporanea.

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte