Una biografia per conoscere Leletta d’Isola. E’ in corso la causa di beatificazione

"Leletta d'Isola, la portinaia del buon Dio", scritto da Nora Possenti Ghiglia, e pubblicato dalla casa editrice Ancora di Milano. L’autore ha attinto a una mole di documenti, scritti, memorie, ricordi e testimonianze.
Leletta d'Isola
Cultura

Per 27 anni il Priorato di Saint Pierre ospitò Leletta d'Isola, terziaria domenicana e insegnante di filosofia, che spese la propria esistenza al servizio del prossimo. Il suo ricordo, a 17 anni dalla morte, è ancora molto vivo, anche perché è in corso una causa di beatificazione, promossa dall'associazione Gli amici di Leletta.

Il salone del palazzo regionale era gremito di persone, ieri sera, accorse per assistere alla presentazione del libro a lei dedicato, "Leletta d'Isola, la portinaia del buon Dio", scritto da Nora Possenti Ghiglia, e pubblicato dalla casa editrice Ancora di Milano. Si tratta della biografia di Leletta, composta attingendo a una mole di documenti, scritti, memorie, ricordi e testimonianze. Sono molte infatti le persone che hanno conosciuto direttamente la protagonista del libro, e che ne conservano un ricordo particolarmente vivo e toccante.

Leletta d'Isola, nata a Torino nel '26 da una famiglia nobile piemontese, è una valdostana d'adozione, ma da quando giunse ad Aosta, nel '59, per insegnare storia e filosofia al Liceo Classico, non lasciò più i confini regionali. La donna prese l'abito domenicano, ma dovette rinunciare ai voti perché considerata inadatta ai rigori della vita monastica, a causa delle precarie condizioni di salute. Divenne comunque terziaria domenicana, vivendo in povertà e castità, ma fuori dalle mura di un monastero. Nel 1966 andò a vivere nel Priorato di Saint Pierre, dove rimase fino alla morte.
Moltissime persone, negli anni, sono andate a visitarla. Per tutte Leletta aveva un consiglio, a tutte prestò attenzione, con umiltà e saggezza, offrendo ascolto e sostegno, ed è anche per questo motivo che ancora oggi in tanti si ricordano di lei. Leletta scrisse anche vari libri di memorie e riflessioni, dedicate al periodo della guerra e della Resistenza e al mistero dello Spirito Santo.

Particolarmente significativa è la prefazione al libro, scritta dal cardinale Carlo Maria Martini: «Non deve essere facile scrivere la vita di Leletta d'Isola. Mancano infatti nella sua vita grandi eventi sociali o ecclesiali a cui lei abbia preso parte con una funzione di leadership. Tutta la ricchezza di questa meravigliosa creatura sta nel suo intimo, nel suo donarsi a Dio sempre più profondamente, nella sua capacità di ascoltare gli altri, i loro problemi e le loro sofferenze e di dare a tutti una risposta giusta, ben calibrata, tale da poter essere percepita».

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte