Economia e lavoro

Ultima modifica: 12 Settembre 2019 10:11

Alla Cogne Acciai Speciali arriva la Cassa integrazione guadagni ordinaria

Aosta - Sarà utilizzata in maniera verticale (cioè almeno un giorno alla settimana nelle aree produttive coinvolte) dal 30 settembre e fino alla fine dell'anno. Il ricorso a questo strumento deciso questa mattina nell'incontro fra azienda e sindacati.

Cogne Acciai Speciali

Alla Cogne Acciai speciali ritorna la Cassa integrazione guadagni ordinaria. Per far fronte ad una “contrazione temporanea degli ordini”, legata alla congiuntura a livello internazionale e, in particolare, del mercato dell’automotive, sindacati e azienda hanno deciso questa mattina nel corso di un incontro di far ricorso a questo strumento.

Dal 30 settembre e fino alla fine dell’anno la Cassa integrazione guadagni ordinaria sarà utilizzata in maniera verticale (cioè almeno un giorno alla settimana nelle aree produttive coinvolte). L’azienda si è presa l’impegno di applicarlo in modo uniforme, “laddove possibile anche con analisi di polivalenza, così da garantire un’equità di trattamento per tutti i lavoratori interessati”.

“La situazione è in continua evoluzione e la flessione riguarda una parte delle lavorazioni, tanto che alcune linee di produzione continueranno invece a operare a pieno regime senza alcun tipo di rallentamento” ha spiegato questa mattina l’azienda ai sindacati, che incontreranno i lavoratori in assemblea il 19 settembre. Per monitorare l’andamento degli ordini da qui alla fine dell’anno, Azienda e Oo.Ss. si incontreranno periodicamente “in modo da condividere delle soluzioni che permettano di contenere al massimo l’impatto di tale flessione, che ha assunto rilevanza anche a seguito di una lunga fermata straordinaria di cinque settimane che ha inciso in maniera significativa sul monte ore delle ferie di una parte dei lavoratori. Uno stop che si è reso necessario per la realizzazione di due importanti investimenti finalizzati a migliorare l’impatto ambientale della Cogne sul territorio”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>