FOTOEconomia e lavoro

Ultima modifica: 13 Settembre 2021 11:38

Ritardi nelle nomine dei supplenti, la protesta simbolica sotto Palazzo regionale

Aosta - Le immagini della protesta simbolica promossa dai precari della scuola. Fino alle 19 l'invito a docenti, dirigenti scolastici, genitori, alunni o semplici cittadini è a lasciare una matita spezzata "per simboleggiare cosa si è rotto nella scuola" e un quaderno "per scrivere assieme una nuova storia della nostra scuola". 

L’idea è stata lanciata da un docente precario e in poco tempo è stata condivisa dai colleghi supplenti ma anche dagli insegnanti di ruolo. E questa mattina sotto Palazzo regionale sono comparse le prime matite spezzate “per simboleggiare cosa si è rotto nella scuola” e i quaderni “per scrivere assieme una nuova storia della nostra scuola”.

Non è una vera e propria manifestazione dei precari della scuola, quanto più un gesto dimostrativo per accendere i riflettori sulla mancata nomina dei supplenti in tempo per l’inizio delle lezioni. 

Se per infanzia e primaria la Regione conta entro lunedì di chiudere la partita delle nomine dei supplenti, scuole secondarie di primo e secondo grado dovranno attendere ancora qualche giorno. Dirigenti scolastici costretti così a organizzarsi, riducendo gli orari di frequenza della prima settimana, chiedendo ore di lavoro aggiuntive ai docenti in servizio o ad attingere alle chiamate dirette.

“A pagarne il prezzo siamo tutti, è la considerazione della scuola in sé, come se non avesse bisogno di progettazione, di confronto, di lavoro di squadra. – spiega il messaggio che sta girando in queste ore fra i docenti –  L’esercito dei precari, che è dell’ordine delle centinaia solo in Valle d’Aosta, è destinato a sapere, da un giorno all’altro, dove insegnerà, in una prima media come in una quinta superiore, a Courmayeur come a Gressoney, come se per ciascuno di noi non fosse importante sapere per tempo chi saranno i propri ragazzi, di cosa avranno bisogno, ciascuno nella sua specificità”.

L’invito a passare sotto Palazzo regionale dalle ore 8 alle 19  – “solo per lasciare un segno simbolico, un quaderno e una matita spezzata. Chi lo vorrà, scriverà un pensiero, una riflessione, una proposta all’interno del quaderno, ma anche un quaderno vuoto andrà bene” – è rivolto non solo ai docenti precari, ma anche ai docenti di ruolo, dirigenti scolastici, genitori, alunni o semplici cittadini. “Non  è solo un atto di solidarietà nei confronti delle centinaia di insegnanti che lunedì non saranno di fronte ai propri ragazzi, ma un gesto che simboleggerà la voglia di (ri)costruire.”

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo