FOTOEconomia e lavoro

Ultima modifica: 30 Settembre 2020 16:40

Tre valdostani premiati agli Oscar Green di Coldiretti

Aosta - Alessandro Bruno di La Petite Ferme du Bonheur, Federico Broglia di Arnad e Thierry Brocard di Pollein sono stati premiati durante la XIV edizione dell’iniziativa promossa da Coldiretti Giovani Impresa.

La XIV edizione degli Oscar Green Piemonte e Valle d’Aosta, promossa da Coldiretti Giovani Impresa, ha visto in Alessandro Bruno dell’azienda agricola La Petite Ferme du Bonheur, Federico Broglia dell’omonima azienda agricola di Arnad e Thierry Brocard di Pollein (rappresentato da Stefanie Cuaz per il ritiro della targa) tre esempi di giovani realtà in grado di coniugare tradizione ed innovazione all’interno del mondo agricolo.

Il riconoscimento per La Petite Ferme du Bonheur è arrivato, nella categoria Noi per il sociale, “per aver saputo interpretare al meglio il concetto di azienda agricola inclusiva creando opportunità per soggetti svantaggiati”. Federico Broglia e Thierry Brocard sono stati premiati nella categoria Campagna Amica: il primo “per aver saputo recuperare antichi castagneti e valorizzarne le produzioni con la diversificazione e la vendita diretta”, mentre Brocard è stato in grado di “valorizzare e diversificare le produzioni aziendali oltre ad interpretare al meglio la filosofia del Km0”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo