500 milioni di plafond da Intesa Sanpaolo per famiglie e imprese alluvionate

La misura permette un sostegno finanziario immediato mediante nuovi finanziamenti a condizioni dedicate. E’ altresì possibile chiedere la sospensione della quota capitale dei finanziamenti in essere.
La banca Intesa Sanpaolo
Economia

Rispondere nel più breve tempo possibile alla situazione di emergenza dovuta agli eventi alluvionati che hanno colpito diversi territori della Valle d’Aosta. E’ l’intento di Intesa Sanpaolo, nello stanziare un “plafond” di 500 milioni di euro a sostegno delle famiglie e delle imprese che hanno subito danni a seguito dell’evento calamitoso.

Il 20% del “plafond” è riservato al settore turistico, comparto trainante dell’economia della regione, pesatamente colpito nell’avvio della stagione estiva. I destinatari sono famiglie, imprese, piccoli artigiani e commercianti, aziende del settore turistico, agribusiness ed enti del terzo settore che hanno subito danni, per dare loro un sostegno finanziario immediato mediante nuovi finanziamenti a condizioni dedicate.

Il Gruppo Intesa Sanpaolo fa sapere di prevedere inoltre la possibilità di richiedere la sospensione fino a 18 mesi della quota capitale delle rate dei finanziamenti in essere per famiglie e imprese residenti nelle zone alluvionate. Sono infine previsti sia l’azzeramento delle commissioni sui pagamenti Pos per transazioni fino a 30 euro, sia la gratuità del canone di Pos mobile e virtuali per la durata di un anno.

La banca comunica che sono a disposizione la filiale digitale (800.303.303 e dall’app “Intesa Sanpaolo Mobile”) per un’assistenza immediata e tutte le filiali presenti sul territorio per informazioni e consulenza.

“Desidero esprimere vicinanza e solidarietà a tutto il territorio e alle persone colpite. – dice Stefano Cappellari, direttore regionale Piemonte Nord, Valle d’Aosta e Sardegna di Intesa Sanpaolo – Con questo intervento di emergenza intendiamo dare un contributo immediato alle aziende e a tutti i clienti in difficoltà. Siamo storicamente una Banca di riferimento in Valle d’Aosta ed anche oggi vogliamo far sentire la nostra presenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte