Apertura impianti sciistici, la stagione riparte il 18 febbraio. Ma non mancano le incognite

Il 18 febbraio gli impianti a fune valdostani apriranno, sebbene la mobilità tra regioni non ripartirà prima del 25 febbraio. Tra i comprensori, Monterosa prova a programmare. Ancora molti gli interrogativi, resta da capire i se i comprensori apriranno per intero, o se faranno delle scelte.
Comprensorio La Thuile
Economia

Il 18 febbraio gli impianti a fune valdostani apriranno. E lo faranno sebbene la mobilità tra regioni non ripartirà prima del 25 febbraio.

Alla conferma del Presidente Avif Ferruccio Fournier, manca però il dato di dettaglio, capire cioè se i comprensori apriranno per intero, o se faranno delle scelte. Molto, come risaputo, dipende proprio dalla possibilità di spostarsi tra regioni, anche se le variabili in gioco sono molte, a partire da un atteso Dpcm che potrebbe cambiare i piani.

“C’è la voglia di ripartire per provare a dare un segnale di ottimismo – spiega Giorgio Munari, Amministratore delegato di Monterosa Ski –. La situazione è molto complessa e ci sono tanti fattori esterni che influenzano la nostra gestione. Dobbiamo navigare a vista e essere pronti a modificare l’organizzazione. Vogliamo provare a dare una mano ai nostri territori, ma non possiamo dissanguarci, per questo bisogna fare attenzione ai costi”.

Da qualche parte bisogna però cominciare – e Monterosa già dal suo sito internet, unico comprensorio fra tutti, annuncia l’apertura –: “L’idea è quella di aprire tutto il comprensorio grande da giovedì alla domenica – aggiunge Munari –, mentre dalla prossima settimana, ancora dal lunedì al venerdì, solo la dorsale che va verso Alagna. Per Champorcher sono in corso dei ragionamenti per aprire questi primi quattro giorni e valutare l’entità dei frequentatori. Gli acquisti dei biglietti saranno online con un contatore che consentirà la vendita fino al raggiungimento del limite. Quest’ultimo sarà deciso in una riunione che a breve avremo con l’Usl”.

Monterosa sito - riapertura impianti

Rimarranno invece chiusi Antagnod, Brusson e Weissmatten. In quest’ultima località, ad accogliere i turisti, ci sarà però il “Baby Snow Park”.

Stesse insicurezze da Courmayeur, dove sul sito delle funivie si annuncia la volontà della Regione di aprire dal 18, ma si specifica che il protocollo vigente prevede “importanti limitazioni sulle modalità di fruizione del comprensorio, in particolare il numero chiuso”. Il tentativo, comunque, sarà quello di aprire il più possibile.

Ancora da capire il destino soprattutto degli impianti più piccoli. Su questo i telefoni suonano a vuoto e le bocche restano per il momento ancora cucite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Turismo

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte