Caro energia: la Cogne acciai speciali stoppa la produzione

Fino a lunedì 29 agosto si sono fermate le aree gestioni materie prime, l’acciaieria e il laboratorio chimico. Riunione con i sindacati lunedì per valutare la situazione dei lavoratori.
Cogne Acciai Speciali
Economia

Uno stop di alcuni giorni perché produrre, a causa dell’aumento vertiginoso del costo del gas, costa troppo. Lo ha deciso nella giornata di giovedì scorso, il 25 agosto, la governance della Cogne acciai speciali che ha comunicato il fermo alle forze sindacali confermando lo stop della produzione per l’area materie prime, l’acciaieria e il laboratorio chimico fino a lunedì 29 agosto compreso.

“Dopo il susseguirsi degli aumenti dei prezzi dell’energia, con un rincaro di oltre il 30per cento dei costi nell’ultima settimana, abbiamo fatto una valutazione del rapporto costi – benefici tra continuare a produrre e fermarsi, optando, per ora, per la seconda opzione” ci spiega Ilaria Fadda, responsabile delle risorse umane della Cas.

“La ripresa in toto è attesa per martedì, ma lunedì valuteremo se conviene riprendere a produrre o se è necessario uno stop più prolungato” continua la Fadda. Nella giornata di lunedì 29 agosto sono attesi anche due incontri con le forze sindacali: alle 11 i vertici della Cogne incontreranno i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil e alle 16 il Savt.  “In quella occasione ci confronteremo anche sulle soluzioni da adottare sul fronte del lavoro per giustificare le giornate di non lavoro”.

Naviga, quindi, a vista l’acciaieria valdostana – “è pressoché impossibile fare una previsione di quando caleranno i costi dell’energia” – nonostante il periodo molto florido per quanto riguarda gli ordinativi. “E’ un controsenso quello che stiamo vivendo, noi avremmo al momento esigenza di lavoro straordinario, non di fermarci” sottolinea Ilaria Fadda. “Ma se la situazione dei costi peggiorasse e si rendesse uno stop più prolungato siamo coperti dalla richiesta di cassa integrazione straordinaria che abbiamo già ottenuto”.

Nel frattempo la Cogne, come le altre imprese energivore del paese, è in attesa di un nuovo provvedimento dal Governo. “A dire il vero ci aspettavamo già nuovi decreti, ora come ora con l’escalation dei prezzi nel mese di agosto gli attuali non solo non sono sufficienti, ma sono inefficaci”

Forte preoccupazione serpeggia nelle forze sindacali per la sorte dei lavoratori coinvolti, oltre 150 al momento. “Il timore riguarda il futuro, non sappiamo ad oggi se lo stop di questi due giorni diventerà strutturale per il futuro e se coinvolgerà altri reparti dello stabilimento” spiega Fabrizio Graziola della Fiom.

3 risposte

  1. Suggerimento
    Considerato che la Val d’Aosta è indipendente dal punto di vista energetico non potremmo approfittarne per essere più competitivi.
    Rammento che la CVA fa capo a Finaosta.
    Favorire le imprese e le famiglie valdostane con una tariffa agevolata ci porrebbe nel Beata condizione di avvantaggiarci, o forse sarebbe meglio dire di recuperare il tempo perso negli ultimi 10 anni.
    Per fare questo occorre programmazione, e qui arrivano le dolenti note, considerata l’assoluta incapacità della nostra classe dirigente a tutti i livelli.

  2. Riguardo al caro energia spropositato, e al conseguente gravissimo danno economico che tutti stiamo subendo; alcune domande più che banali e da cittadino consapevole sorgono spontanee:

    – Tutto ciò, è forse dovuto alla scellerata idea di imporre sanzioni pesantissime alla Russia?
    – Ma i Governi Europei, imponendo tali sanzioni, non hanno creato un vergognoso e grottesco boomerang a loro stessi e dunque ai rispettivi concittadini?
    – E ancora, l’Europa, non avrebbe dovuto cercare soluzioni a lei più convenienti – invece di seguire la stupida via imposta dagli USA i quali fanno ovviamente i loro esclusivi interessi – come creare un incontro per almeno tentare di negoziare la pace tra i due Paesi in conflitto?
    – E oltre a tutto ciò, il suddetto caro energia assolutamente spropositato, è forse financo conseguente dal fatto che, i mercati-finanziari (o chi c’è dietro) speculano vergognosamente dell’attuale gravissima crisi socio-economica-globale?
    – Ma la Politica, non dovrebbe dare delle doverose risposte ai rispettivi concittadini?

  3. È una vergogna che una società come la Cogne…. Con migliaia di metri quadrati di superficie e tettoie non ha mai investito in alcuna energia alternativa….. Adesso ne pagano le conseguenze, come sempre i più deboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Economia