Casinò, rinviati almeno di un mese i primi 50 prepensionamenti

Ieri pomeriggio i sindacati sono stati urgentemente convocati dall’azienda che ha comunicato loro come i dati dell’ex Enpals sullo stato contributivo non sono ancora pronti e di conseguenza, gli interessati non potranno cessare il loro rapporto di lavoro
Il Casinò di Saint-Vincent
Economia

Slitta a fine novembre la fuoriuscita con la Fornero di 50 lavoratori alla Casa da gioco di Saint-Vincent, prevista dall'accordo siglato nel luglio scorso fra sindacati e i vertici dell'azienda.

Ieri pomeriggio le organizzazioni sindacali sono state urgentemente convocate dai vertici del Casinò che ha comunicato loro come i dati dell’ex Enpals sullo stato contributivo non sono ancora pronti e di conseguenza, gli interessati non potranno cessare il loro rapporto di lavoro entro fine ottobre. “Rimarranno, quindi, al lavoro finché non arriveranno questi dati” spiega Giorgio Piacentini della Cisl. “I lavoratori erano già a casa per smaltire ferie e riposi e ora dovranno probabilmente rientrare in azienda”.

I sindacati, pronti a chiedere un incontro oltre che con l’azienda anche con la proprietà, lamentano poi la mancata presentazione di un piano di riorganizzazione.

“Delle 50 uscite molti sono tecnici di tavoli” spiega Vilma Gaillard della Cgil “Vogliamo capire come l’azienda andrà a riorganizzarsi anche perché l’accordo sui contratti a intermittenza con i Dealer è in scadenza a fine anno”. “La partita è complessa e questi non si stanno muovendo, avrebbero dovuto convocarci già 15 giorni fa” aggiunge Piacentini. 

A preoccupare i sindacati è poi la presunta gara per l'esternalizzazione del servizio di sicurezza interno. "Ci sono persone che stanno facendo questo lavoro e ci chiediamo ora cosa andranno a fare – sottolinea Claudio Albertinelli del Savt – L'azienda continua ad andare avanti senza rispettare gli accordi". 

Il problema principe rimane per i sindacati il gioco con le sale "drammaticamente vuote". 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte