Dall’unione di Valfidi e Confartigianato Cuneo è partito, dal 1° gennaio, il percorso Alpifidi

“Alpifidi è l’unione di due confidi sani – spiega il Presidente Laurent Vicquéry –, che hanno per decenni saputo interpretare le necessità dei propri territori e dialogare con gli imprenditori e il ceto bancario, che hanno condiviso valori di solidarietà e sostegno alle realtà locali".
valfidi assemblea straordinaria
Economia

Annunciato a metà ottobre, è partito il percorso di Alpifidi, che raccoglie Valfidi e Confartigianato Fidi Cuneo, la cui piena operatività ha preso il via con l’anno nuovo, lo scorso 1° gennaio 2021, “dando vita – si legge in una nota – ad un confidi con sede legale, direzionale e amministrativa in Valle d’Aosta e una sede operativa a Cuneo e che conta complessivamente 25 dipendenti”.

“Siamo soddisfatti di aver risposto tempestivamente alle sfide imposte dalla vigilanza e dal mercato del credito, rafforzando il nostro confidi grazie un’operazione di fusione per incorporazione e superando con sicurezza la soglia minima di attività finanziarie richieste dall’attuale normativa – sottolinea il presidente di Alpifidi Laurent Vicquéry –. Valfidi continua dunque la sua strada con un nuovo nome, Alpifidi, rimanendo salda ai suoi principi di mutualità e supporto alle piccole e medie imprese e guardando con interesse alle nuove opportunità che offre l’essere oggi un player nazionale.”

Alpifidi estende quindi la sua operatività dal Monte Bianco al Mar Ligure, seguendo la dorsale alpina che ne ha suggerito la denominazione, dove sono distribuiti gli oltre 8.000 soci in rappresentanza di altrettante imprese attive nel settore dell’artigianato, del commercio, dell’ospitalità, dei servizi, dell’agricoltura e i professionisti.

I numeri a bilancio – si legge nella nota – esprimono la solidità del confidi e la qualità degli stock : 170 milioni di attività finanziarie, 19 milioni di patrimonio, 135 milioni di stock di garanzie (bonis che si attesta al 91%), finanziamenti e affidamenti per oltre 300 milioni, CET1 pari al 22%.

“Alpifidi è l’unione di due confidi sani – aggiunge Vicquéry –, che hanno per decenni saputo interpretare le necessità dei propri territori e dialogare con gli imprenditori e il ceto bancario, che hanno condiviso valori di solidarietà e sostegno alle realtà locali, che hanno deciso di condividere un progetto di crescita comune per continuare a sostenere e agevolare le richieste di credito delle imprese socie grazie al lavoro e alla professionalità dei propri gruppi dirigenti e dei propri collaboratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte