Green Pass e sciopero, trasporto pubblico locale a rischio

Le aziende che gestiscono il servizio per conto della Regione hanno scritto una lettera per segnalare i possibili disagi all'utenza. "Alcune corse salteranno sicuramente" dicono.
Economia

Il rischio che domani alcune corse del trasporto pubblico locale saltino è reale. Tanto che le aziende che gestiscono il servizio per conto della Regione hanno scritto una lettera per segnalare i possibili disagi all’utenza e essere sollevate dalle penali previste dal contratto. Missiva che sembra non essere piaciuta alla Regione, che nella risposta ha ricordato alle aziende come i trasporti siano dei servizi pubblici essenziali e ha chiesto loro di attivare ogni iniziativa possibile per contenere al massimo, se non a eliminare, eventuali disfunzioni nei servizi di trasporto. 

Venerdì 15 ottobre entrerà in vigore l’obbligo per tutti i lavoratori di Green Pass, ma è sopratutto lo sciopero proclamato dalla Federazione italiana sindacati intercategoriali e dalla Confederazione sindacati autonomi federati italiani, ritenuto illegittimo da parte della Commissione di garanzia, a preoccupare le aziende.

“Disagi ce ne saranno” sottolinea Jean-Pierre Calliera, Presidente della Vitagroup. “Alcune corse salteranno sicuramente”. Il problema della sostituzioni di eventuali assenti per sciopero e di chi sarà sospeso esiste, anche perché “in tutta Italia c’è crisi del personale viaggiante”.

“Una volta  – ricorda Mirko Dayné della Svap – le patenti si prendevano durante il servizio militare. Oggi non tutti possono permettersi un investimento iniziale di oltre 5mila euro”.

Nell’azienda che copre il bacino della Plaine di Aosta e della media Valle, sono 3 o 4 i dipendenti sui novanta totali che hanno già annunciato di non volersi vaccinare e effettuare i tamponi. “Se restano 3 o 4 riusciremo a far fronte a queste assenze, certo dovranno saltare le ferie. Sono invece oltre una decina quelli che ci hanno comunicato che andranno regolarmente a farsi dei tamponi”.  I controlli del Green Pass verranno effettuati nella sede Svap e a campione sui mezzi per chi non prende servizio in sede.

Alla Vitagroup il quadro è più incerto. “Lo vedremo venerdì mattina. Ho dipendenti che si sono già messi in malattia e altri in permesso di paternità. Chi non vuole vaccinarsi o fare il tampone troverà un metodo. Basandoci anche su dati emersi a livello nazionale calcoliamo un 20% della nostra forza lavoro che potrebbe venire meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte