Valdigne senz’auto: attivato un servizio estivo di navette Alpis Graia

Il pullman percorre quattro volte al giorno, andata e ritorno, la tratta La Salle - colle del Piccolo San Benardo, passando per Morgex, il col San Carlo e La Thuile. Il serviziosi concluderà il 5 settembre 2010.
La navetta
Economia

Nessuno vorrebbe vedere la Valdigne invasa dalle automobili, soffocata dai tubi di scappamento, solcata da carovane su quattro ruote. Oggi è stata varata un’iniziativa che consente di promuovere una forma di mobilità decisamente più sostenibile, grazie al programma Alpis Graia, sviluppato all’interno del più vasto programma di cooperazione territoriale transfrontaliera Italia-Francia Alpes 2007-2013.

Con un comodo servizio di navetta sarà possibile raggiungere i principali punti di interesse della zona senza prendere l’auto privata. La navetta Alpis Graia parte dal capoluogo di La Salle, passa per Morgex, transita dal col San Carlo, arriva a La Thuile e raggiunge il colle del Piccolo San Bernardo, a 2200 metri. L’itinerario, percorso quattro volte al giorno nella sua interezza, è panoramico, ed è stato studiato per avvicinare gli escursionisti alla rete di sentieri e itinerari che la zona offre, ma anche per consentire a turisti e residenti di raggiungere i comuni della Valle e esplorare la zona.

Il colle del Piccolo San Bernardo, con il suo celebre cromlech e il giardino botanico, rappresenta l’ideale conclusione di un percorso all’interno di una delle aree più belle e incontaminate della regione. Il progetto è stato avviato grazie a finanziamenti europei, nazionali e regionali.
Le tariffe variano a seconda dei chilometri percorsi, si va da un minimo di un euro a un massimo di 3,20 euro. Le navette partono dal capoluogo di La Salle alle 7,15, alle 10,30, alle 13,15 e alle 16,30, e impiegano un’ora e un quarto per compiere tutto il percorso. Dal capolinea, il colle del Piccolo San Bernardo, le navette partiranno rispettivamente alle 8,40, 11,55, 14,40 e 17,55. Il servizio estivo di navetta sarà attivo fino al 5 settembre 2010, e, in caso di successo, sarà riproposto anche nei prossimi anni.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte