Auto, a rischio 100mila posti di lavoro. Solo in Piemonte 24mila lavoratori in meno

Secondo le stime Svimez-Irpet (Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno), la situazione economica peserà più al sud, soprattutto in Basilicata e Molise. Nei giorni scorsi Marchionne ha parlato di produzione in discesa del 20%.
News Nazionali

Roma, 4 feb. – (Adnkronos) – Pil in discesa dello 0,4% a livello nazionale effetto della sola crisi dell'auto, con dure ricadute nazionali regione per regione: e' il risultato della simulazione Svimez-Irpet condotta su modelli econometrici multi regionali per valutare l'impatto della crisi dell'auto nelle regioni italiane nel 2009.

L'analisi muove i passi dalla previsione dell'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, secondo cui senza interventi correttivi la produzione nazionale potrebbe scendere del 20%. Elemento particolare dello studio e' la misura degli effetti sia diretti, che riguardano la filiera auto motive, che indiretti, quelli cioe' che vanno direttamente a incidere sul potere d'acquisto delle famiglie.

Secondo lo studio, per la sola crisi dell'auto nel 2009 il Pil nazionale dovrebbe contrarsi dello 0,4%. Nessuna regione sarebbe risparmiata dalla mannaia della crisi Fiat: Sardegna e Calabria le regioni piu' fortunate, con una contrazione del Pil limitata al -0,1%, seguite da Valle d'Aosta, Umbria e Marche con -0,2%. Sicilia, Toscana, Friuli e Liguria dovrebbero registrare un calo dello 0,3%, mentre Lazio, Veneto e Trentino -0,4%.

Ad eccezione di Calabria, Sicilia e Sardegna, la crisi dell'auto si fa particolarmente sentire al Sud: la Puglia segna -0,5%, Campania -0,6% (a pari merito con la Lombardia).

La situazione peggiore in Molise (-1%) e Abruzzo (-1,1%), per poi precipitare in Piemonte (-1,8%) e in Basilicata (-1,9%). Pesante l'impatto sull'occupazione: le unita' di lavoro perse a livello nazionale sarebbero 98mila, di cui 77.000 tra i soli dipendenti. Le regioni piu' penalizzate il Piemonte (-24mila posti di lavoro), Lombardia (-19mila) ed Emilia Romagna (-9.100). Male anche in Veneto (-6mila), Lazio (-5.600) e Toscana (-4.000).

Situazione comunque critica anche al Sud, con 8.500 posti di lavoro in meno in Campania (6.700 dipendenti), 4.700 in Puglia (3.700 dipendenti), 2.900 in Basilicata (di cui 2.400 dipendenti) e Sicilia (2.300, di cui 1.600 dipendenti). A livello circoscrizionale, dopo il Nord-Ovest, sarebbe il Sud l'area piu' colpita, con una perdita di 24mila posti di lavoro, di cui quasi 19mila dipendenti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati