Assistenza sanitaria fuori Valle: da Lega e Forza Italia una proposta di legge

L’obiettivo è il sostegno economico dei valdostani che necessitano di cure all’esterno del territorio regionale e delle loro famiglie. Il testo depositato alla Presidenza del Consiglio oggi, venerdì 9 dicembre.
Consiglio Valle - Immagine di archivio
Politica

Una proposta di legge per sostenere economicamente i valdostani che necessitano di assistenza sanitaria fuori dal territorio regionale, nonché le loro famiglie. A depositarla alla Presidenza del Consiglio regionale, nella giornata di oggi, venerdì 9 dicembre, i gruppi della Lega Vallée d’Aoste e di Forza Italia Valle d’Aosta.

“Dagli approfondimenti effettuati e dal confronto con le associazioni che si occupano di questo tema – sottolineano i due gruppi in una nota – abbiamo rilevato che sono numerosi gli spostamenti delle famiglie che si occupano di parenti malati, o con disabilità, verso centri specializzati o cliniche fuori Valle. Spostamenti che comportano costi per le famiglie che spesso non sono in grado di sostenere”.

“La garanzia per ogni cittadino di vedersi riconosciuto il diritto alla salute senza un aggravio di costi è un obiettivo che deve essere perseguito con ogni strumento. – commenta il capogruppo della Lega Andrea Manfrin, primo firmatario della proposta – Chi ha problemi di salute, ed in particolare le persone fragili, non possono essere esclusi da questo diritto o sentirsi svantaggiati in nessun modo, anzi, devono essere facilitate nel loro percorso di controlli o di cure, in particolar modo se queste prevedono uno spostamento fuori dalla nostra Regione”.

“Con questa proposta di legge – aggiunge il consigliere Erik Lavy, componente del gruppo di lavoro per il testo – colmiamo quindi un vuoto normativo prevedendo che la Regione intervenga per sostenere economicamente i pazienti e le famiglie che hanno necessità di curarsi al di fuori della nostra Regione. Un ringraziamento doveroso va alle associazioni Tutti uniti per Ylenia e La casa di sabbia onlus, senza le quali questa legge non sarebbe stata possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte