Caro Autostrada, gruppi consiliari al lavoro su un documento di denuncia da portare a Roma

La decisione è arrivata nel corso dell'audizione in II e IV Commissione del Presidente della Regione e dei rappresentanti di nomina regionale nei Consigli di amministrazione delle società Rav e Sav sui piani tariffari del prossimo quinquennio.
autostrada
Politica

Sul caro autostrada la Valle d’Aosta prova nuovamente a far sentire la propria voce a Roma. I gruppi consiliari hanno deciso oggi di lavorare ad un documento, condiviso, di denuncia degli "enormi disagi che una tariffazione così elevata comporta non solo per la mobilità dei valdostani ma anche per lo sviluppo del turismo della nostra regione". Documento da affidare ai parlamentari valdostani affinché venga posto all’attenzione del Governo centrale.

La decisione è arrivata nel corso dell’audizione in II e IV Commissione del Presidente della Regione e dei rappresentanti di nomina regionale nei Consigli di amministrazione delle società Rav e Sav sui piani tariffari del prossimo quinquennio.

"È stata una riunione molto proficua – spiegano in una nota i Presidenti delle due Commissioni, Leonardo La Torre e Giuseppe Isabellon – che ha permesso di trovare una sintesi su di un tema particolarmente sentito dai valdostani, riportando per altro la centralità delle decisioni sugli orientamenti futuri in capo al Consiglio. Le forze politiche, d’intesa con il Presidente della Regione, hanno condiviso delle linee di indirizzo che impegnano la Giunta, il Consiglio e i rappresentanti regionali di Rav e Sav a lavorare su due fronti".

Oltre al documento di denuncia si è deciso, infatti, di costituire un gruppo di lavoro per trovare delle soluzioni operative per permettere ai residenti e alle imprese di usufruire nuovamente e con regolarità dell’autostrada, oltre che per garantire pari opportunità di accesso per le ditte valdostane ai lavori nei numerosi cantieri autostradali. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte