Coronavirus, Sammaritani: “Fare le elezioni il prima possibile”

"L'attuale stato di delegittimazione del consiglio regionale che potrebbe protrarsi anche fino al prossimo anno (se saltassero le elezioni di ottobre) non è compatibile con le importantissime decisioni, di breve, medio, ma anche di lungo periodo che devono assolutamente essere prese"
sammaritani
Politica

“Occorre fare elezioni il prima possibile, perché l’attuale stato di delegittimazione del consiglio regionale che potrebbe protrarsi anche fino al prossimo anno (se saltassero le elezioni di ottobre) non è compatibile con le importantissime decisioni, di breve, medio, ma anche di lungo periodo che devono assolutamente essere prese, già da adesso per fronteggiare la crisi sanitaria ed economica in atto”. A sostenerlo è il consigliere regionale della Lega Vda, Paolo Sammaritani.

“A differenza di altre regioni che vanno a scadenza di legislatura e che probabilmente tenteranno di fare le consultazioni prima dell’estate, compatibilmente con l’evoluzione dell’emergenza sanitaria, da noi il Presidente ha già deciso che si andrà alle urne ad ottobre.” ricorda il consigliere del Carroccio: “Credo che sia una decisione criticabile, per varie ragioni. In primo luogo, sappiamo che ad ottobre potrebbero non esserci le condizioni per votare, stante il rischio di una recrudescenza dell’epidemia nella prossima stagione fredda. – aggiunge Sammaritani – In secondo luogo, in ottobre, le scuole appena riaperte (speriamo) dovrebbero restare di nuovo chiuse molto a lungo (per i preparativi dei locali, per consultazioni probabilmente più lunghe e laboriose e per sanificazioni ante e post elezioni)”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte