Crisi di Governo, da Tripodi la fiducia a Conte. Ma senza stabilità le urne non sono un miraggio

A spiegarlo la deputata valdostana del MoVimento 5 Stelle, poco prima dell'inizio dei lavori dell'aula: "Come gruppo siamo tutti compatti nel dare la fiducia al Presidente Conte. Ora occorre avere un Governo saldo e forte. In caso contrario è giusto si ritorni al voto”.
La deputata valdostana Elisa Tripodi (M5S)
Politica

La fiducia al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – che oggi verrà chiesta alla Camera dei deputati e domani in Senato – non è in discussione (a differenza di quanto dichiarato da Palazzo Madama da Lanièce), ma da qui a capire come si chiuderà la crisi di Governo aperta ufficialmente da Matteo Renzi è lungi dall’essere scontata. E le urne potrebbero non essere un miraggio.

Poco prima dell’appuntamento in aula, infatti, la deputata valdostana Elisa Tripodi spiega la sua posizione: “Come gruppo siamo tutti compatti nel dare la fiducia al Presidente Conte. Per il resto vedremo quali saranno i numeri, perché è sufficiente la maggioranza relativa, ma è chiaro che dal punto di vista politico servono altri numeri. La crisi è aperta, e vedremo come andrà a finire”.

Una crisi di difficile lettura, anche all’interno della stessa Italia Viva – nel movimento continuano a susseguirsi, alla spicciolata, diverse defezioni –, con la parlamentare 5 Stelle che ha un giudizio severo “nei confronti di Renzi, perché quello ora occorre avere un Governo saldo e forte. In caso contrario è giusto si ritorni al voto”.

Problemi che sembrano rientrare per quanto riguarda, invece, lo scostamento di bilancio: “Il provvedimento ed il DlRistori V’ verranno votati anche dal Centrodestra – prosegue Tripodi –, abbiamo avuto rassicurazioni al riguardo. Ci sono però altri provvedimenti molto importanti, per questo dico che deve esserci un Governo forte. C’è anche il ‘Milleproroghe’ che serve a dare risposte ad alcune tematiche che hanno necessità di essere prorogate, come ad esempio concorsi, e che abbiamo incardinato la scorsa settimana in Commissione ‘Affari costituzionali e in Commissione bilancio”.

Blocco che rischia di essere pericoloso, chiude la deputata valdostana: “Questa crisi ha prodotto questo stallo, ma è necessario proseguire con questo e con altri provvedimenti importanti. Ripeto, sono convinta che serva un Governo forte, in caso contrario sono dell’idea che si debba tornare alle urne”.

0 risposte

  1. Ecco, torniamo alle urne e vediamo.
    Vediamo se il Popolo Sovrano potrà esprimere finalmente una maggioranza sensata.
    Sicuramente le prossime elezioni sanciranno la scomparsa dei 5 stelle e dello pseudo “avvocato del popolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte