Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 24 Agosto 2019 12:09

Crisi Governo, Fosson: “Speriamo in esecutivo che rispetti le autonomie”

Aosta - Il Presidente della Regione, Antonio Fosson, si è poi detto dispiaciuto "perché non si vede più la delegazione di parlamentari valdostani andare a parlare con il Presidente della Repubblica". 

In attesa di capire come evolverà la crisi politica nazionale, il Presidente della Regione Antonio Fosson è tornato questa mattina, a margine della conferenza stampa di Giunta, a commentare quanto sta accadendo a Roma.

“La situazione non è di semplice soluzione, siamo in contatto il senatore Lanièce e preoccupati per questa interruzione di legislatura che porta ad uno stallo. Speriamo che si faccia un nuovo governo che rispetti sempre più le esigenze delle autonomie speciali” ha detto Fosson, dicendosi poi dispiaciuto “perché non si vede più la delegazione di parlamentari valdostani andare a parlare con il Presidente della Repubblica”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “Crisi Governo, Fosson: “Speriamo in esecutivo che rispetti le autonomie””

  • Laniece, finalmente un politico con le idee chiare. Fino all’altro giorno aveva ricevuto direttive di sfiduciare Conte dall’Uv, ora si presenta con il gruppo autonomie che chiede un Conte-Bis.

    Dalla sfiducia al Conte alla fiducia nel Conte in poche ore.

Commenta questo articolo