Elso Gerandin: “La qualità dei servizi alla persona sarà mantenuta”

I sindaci si sono riuniti al Cpel: è ancora la manovra finanziaria a tenere banco. Gerandin: "Sparano nel mucchio e vedono chi rimane in piedi".
Politica

Cambiamenti in arrivo nelle Commissioni locali valanghe. La legge regionale ha ottenuto il parere positivo dei sindaci valdostani, riunitisi ieri in assemblea. “La Valle d’Aosta sarà divisa  17 sottozone” ha spiegato Christian Linty. Alcune commissioni riuniranno più comuni, ad esempio La Thuile e Pré-Saint-Didier, mentre altri, in virtù della loro storia e del livello di pericolo avranno una commissione comunale, è il caso di Courmayeur.

Alla riunione dei sindaci è seguita una conferenza stampa, Elso Gerandin, presidente del Cpel, ha ribadito la preoccupazione per la manovra finanziaria “Ma mi sento di garantire – ha detto – che la qualità dei servizi erogati nel campo dell’assistenza alla persona rimarrà invariata”. L’ultimo testo finanziario impone diverse limitazioni alle regioni e agli enti locali. I provvedimenti che destano maggiore preoccupazione riguardano il taglio del 50 per cento della spesa dei dipendenti a tempo determinato rispetto al 2009; a questo va aggiunto il taglio dell’80 per cento delle consulenze e della formazione. “Sparo nel mucchio e vedo chi sta in piedi”, ecco la principale caratteristica della manovra secondo Gerandin.

I sindaci hanno poi fatto il punto della situazione anche sul tempio crematorio: nel 2009 sono state cremate 912 salme. Un trend in crescita, cresciuto dell’11 per cento rispetto al 2008 e del 36 per cento rispetto al 2007. La spesa nel 2009 è stata di 300 mila euro. I costi variano per residenti e non: i primi sborsano 332 per la salma, i non residenti pagano il prezzo pieno, ovvero 554 euro. Sono molte le richieste che provengono da fuori Valle, dove le liste d’attesa sono lunghe.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica