Ferrero rinnega Togni, scontro interno alla Lega in Valle

"Ha convocato la conferenza stampa da solo" ha precisato Sergio Ferrero. "Ha tagliato i ponti con la Valle d'Aosta da due anni, non conosce il nuovo direttivo, non so a che titolo si presenta come leader". Solidarietà da Zucchi e La Torre.
Sergio Ferrero, Lega Nord
Politica

“Prima mi chiede di fare una conferenza stampa congiunta, poi , prima che ci potessimo mettere d’accordo sulla data e sui contenuti, se la organizza da solo, e non mi avverte neppure. Ho saputo dell’incontro con i giornalisti avvenuto ieri dall’Ansa e dalla Digos”.
Non ci sta Sergio Ferrero, segretario della Lega Nord Valle d’Aosta. Ieri Walter Togni, legato del consiglio federale, ha incontrato i giornalisti locali per annunciare un cambio di rotta nella sezione valdostana del partito. L’assenza del segretario era stata motivata così: “C’è stato un fraintendimento, Ferrero oramai ha assunto altri impegni a Cogne e probabilmente non verrà”.
La questione, in ogni caso, non è solamente di etichetta: ad essere messa apertamente in discussione è la leadership di Ferrero. “Sono d’accordo e non sono d’accordo con l’operato del segretario, in ogni caso il mio impegno sarà quello di rimettere in carreggiata il movimento in Valle d’Aosta facendo politica sul territorio, con banchetti, gazebo e iniziative” aveva sostenuto Togni. Ed ecco puntuale la smentita di Sergio Ferrero, che dopo aver avvertito Calderoli e i vertici nazionali dell’accaduto ha firmato un comunicato stampa in cui risponde punto per punto al legato federale. “Noi i gazebo e i banchetti li facciamo già, lavoriamo sul territorio – ha ribadito – tant’è che non ho mai ricevuto richiami di sorta da parte del consiglio federale. Togni – ha proseguito – era stato incaricato di affiancarmi nel 2008, ma dal novembre del 2009 ad oggi non ha più dato notizia di sé. Non ha neppure incontrato il nuovo direttivo, insediatosi esattamente un anno fa. Sinceramente, pensavo che il suo incarico fosse decaduto dopo il nostro rinnovo delle cariche. Togni inoltre non ha contatti con le altre forze politiche regionali. A che titolo parla? Forse ha ricevuto l’imbeccata da qualcuno. Sono persuaso che i nostri tesserati appoggiano il direttivo”.
Solidarietà a Ferrero è stata espressa da Alberto Zucchi, coordinatore vicario del Pdl della Valle d’Aosta, che ha ricordato “il suo impegno per rafforzare l’asse Pdl-Lega in questi ultimi mesi in Valle d’Aosta”.
Commenti increduli provengono dalle fila della Fédération Autonomiste, che durante la conferenza stampa di Togni era stata oggetto di considerazioni allargate a tutto lo spettro politico valdostano. “Rifiutiamo – aveva sostenuto Walter Togni – il concetto di alleanze e apparentamenti strumentali all’ottenimento di poltrone, la Lega è la Lega, non abbiamo rapporti privilegiati con nessuno, Fédération Autonomiste compresa”. Leonardo La Torre, segretario regionale della FA, ha dichiarato di non conoscere affatto Togni, e ha sottolineato il proficuo rapporto di collaborazione instaurato con Ferrero.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica