Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 16 Ottobre 2019 16:07

Ferrovia, i primi treni bimodali attesi per inizio settembre

Aosta - La nuova deadline di entrata in funzione è stata annunciata stamane dall'Assessore ai Trasporti Luigi Bertschy. Per il ritardo di oltre un anno nella consegna previste penali milionarie per la Stadler.

BimodaliBimodali

Nel mese di settembre i primi tre treni bimodali potrebbero, finalmente, iniziare a circolare. La nuova deadline di entrata in funzione è stata annunciata stamane dall’Assessore ai Trasporti Luigi Bertschy.

La consegna dei primi cinque treni, costati 43 milioni di euro, sarebbe dovuta avvenire fra maggio e settembre del 2018. L’entrata in vigore di nuove normative per il rilascio delle autorizzazioni, ma anche richieste provenienti da Trenitalia, hanno causato i ritardi nella consegna, non tutti secondo la Regione giustificati. Per questo alla società fornitrice, la svizzera Stadler, l’Amministrazione regionale è pronta ad applicare penali che potrebbero superare il milione di euro. La quantificazione definitiva arriverà solo alla consegna dei treni.

I bimodali, acquisiti nella precedente legislatura con l’obiettivo di superare la rottura di carico ad Ivrea – i treni diesel attualmente in circolazione non possono accedere alla stazione interrata di Torino Porta Susa – non risolveranno tutti i problemi della linea. “Oggi il servizio è coperto da nove treni – ricorda l’Assessore – Ci sarà la necessità da parte di Trenitalia di fornire i treni che mancano. La Regione ha in riserva una commessa per un’ulteriore acquisizione di 3 treni, già finanziati, che andranno valutati rispetto a quanto vogliamo fare”.

Per Maria Luisa Russo del M5S “siamo davanti ad una serie di nonsensi. Abbiamo dei treni che abbiamo pagato tantissimo e li utilizzeremo in doppia modalità probabilmente per 5/7 anni fino all’elettrificazione e poi non potremo più utilizzare la parte diesel”.

3 commenti su “Ferrovia, i primi treni bimodali attesi per inizio settembre”

  • Gunther Taler says:

    la boiata dei treni bimodali. Inutili, inquinanti e carissimi. Tutto questo per non elettrificare la linea e dividere i costi con regione Piemonte.

  • Speriamo che non sconvolgano gli orari attuali mettendo nei guai i pendolari abituali. Poi mi chiedo se prima o poi valuteremo un Aosta Milano, coinvolgerebbe l’interesse di 3 regioni incentivando anche un po’i turisti di breve periodo che, non automuniti, si buttano giustamente altrove.

  • Paolo Baldi says:

    I treni bimodali sono ottimi e lavoreranno benissimo. Poi se un lontano giorno la linea verrà elettrificata, avremo avuto diretti su TO ( e forse MI) con alcuni anni di anticipo. E i convogli si potranno rivendere con estrema facilità. I politici che non sanno di cose tecniche, tacessero, grazie

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>